fbpx

Enrica Mannari, il coraggio di andare controcorrente

Arte, Cultura & Società

A cura di Mariangela Cutrone

Enrica Mannari. classe 1980, dopo quindici anni di lavoro come designer e art director dal 2017 ha scelto di trasferirsi dalla città al mare, da tempo sua fonte di ispirazione. Ha deciso di occuparsi di ciò che la rende davvero felice. Ha avuto il coraggio di rimettersi in gioco a quasi quarant’anni rivoluzionando la sua esistenza.  È artista e illustratrice e collabora con noti brand. Il suo profilo Instagram è seguito da una community molto attiva che Enrica chiama “le mannare”. Grazie a questa community, Enrica non ha mai smesso di perseguire il suo ideale di felicità. Ciò l’ha invogliata a credere nel suo talento da artista spesso andando controcorrente. La sua cocciutaggine l’ha portata a realizzare il sogno di pubblicare il suo primo libro illustrato intitolato “Manuale illustrato della felicità” edito da DeAgostini nel quale ci incita a combattere per la propria felicità e la realizzazione di sé stessi continuando ad essere sempre coerenti con i propri ideali e sogni non ordinari.

Imparare a dire di “no”

Quanti “no” avrei voluto dire nella vita. Quanti “no” che si sono trasformati in remissivi “si”. Poi ho imparato che il valore che diamo a noi stessi è la chiave di volta per farci rispettare dagli altri. I no non sono solo liberatori, ma ci aiutano ad acquisire più fiducia in noi stessi. Spesso diciamo “si” per paura. di non piacere, paura che la persona a cui vorremmo dire di “no” decida di non volerci più (emotivamente e professionalmente). Paura delle conseguenze di una presa di posizione scomoda. E invece nella vita, tra un abbraccio e un sorriso, ci deve sempre essere posto per un secco e mastodontico “NO”.

Il vuoto che riempie l’esistenza

 “Riempire le nostre vite di cosa da fare non ci renderà più felici. Teniamoci del tempo libero, un tempo vuoto. È quel tempo che non sappiamo come usare e assomiglia ad una giocata d’azzardo. Rischiamocelo pure questo tempo e lasciamolo vuoto. Sarà in quel vuoto che affioreranno davvero le cose importanti, ossia i pensieri sedimentati sotto strati di scuse per non pensare. Spesso parte delle nostre fragilità e dei nostri sogni sono nascosti come i tesori. Facciamo pure spazio a queste cose, lasciamo che si esprimano perché anche se fanno paura non porteranno che consapevolezza e luce nelle nostre vite. Il buio serve ma non quando nasconde, ma quando svela”.

Decidere chi essere

“Da sempre siamo abituati a essere definiti dagli altri, dalla società, dalla famiglia, dal fidanzato, dalla fidanzata, dagli amici. Ma noi siamo un universo di cose, una molteplicità di argomenti ed esperienze che convivono dentro di noi e che ci rendono unici. Lasciamo che sia questo insieme di cose a parlare di noi e a dire al mondo e a noi stessi chi siamo.  Siamo noi che decidiamo chi essere. Per anni sono stata definita una “matta”. La verità è che i matti veri sono quelli che vivono nei limiti ottusi e pericolosissimi della paura del diverso”.

*tutte le citazioni sono tratte dal libro “Manuale illustrato della felicità” di enrica Mannari, Deagostini

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE