fbpx

Il Mes divide la maggioranza

Politica

 

Zingaretti; “Nessun motivo per rinunciarvi”. Conte: “C’è un’attenzione morbosa”. Il premier alle Camere : “L’Ue è stata all’altezza della sua storia, verranno emanati titoli di debito europei”. Salvini : “Basta trionfalismi, i fondi Ue sono inutili perché nel 2021 avremo perso un milione di posti”

 

©ANDREAS SOLARO / AFP – Giuseppe Conte

Continua il braccio di ferro interno alla maggioranza sul ricorso al Meccanismo europeo di Stabilità, il Mes. Il presidente del Consiglio, al termine del suo intervento alle Camere torna a definire “morbosa” l’attenzione della stampa sul tema invitando, piuttosto, a studiare il Recovery Fund. Ma, subito dopo, Conte sembra aprire uno spiraglio quando, alla domanda dei giornalisti, assicura: “valuteremo insieme la situazione, ma non mi chiedete ogni giorno del Mes”.

Chi è a favore e chi no

Al ‘partito pro Mes’ interno alla maggioranza sono iscritti, al momento, i dem e i renziani, mentre si registrano dubbi all’interno di Leu. Ancora fermamente contrario il Movimento 5 Stelle. Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, non sembra intenzionato a fare un solo passo indietro rispetto alla necessità di accedere a 37 miliardi con la sola condizionalità di essere utilizzati per la sanità, cosi’ come chiedono anche i governatori delle Regioni che hanno potuto toccare con mano le falle della sanità pubblica durante l’emergenza sanitaria. “Continuo a pensare che per l’Italia l’utilizzo del Mes sia positivo e utile. Il Governo dovrà presto assumere una decisione e la nostra posizione è chiara”. Linea ribadita anche da Emanuele Fiano, responsabile Esteri del Partito Democratico per il quale “il Mes ci serve, la nostra posizione non è mai cambiata. Ciò che serve all’Italia va utilizzato”.

Che il Pd sia compatto sul ricorso al Mes è confermato anche dalla dichiarazione di Andrea Marcucci, capogruppo al Senato e già renziano di ferro: “Il Mes ci serve, la nostra posizione non è mai cambiata. Ciò che serve all’Italia va utilizzato”. E anche il capogruppo alla Camera Graziano Delrio chiede al governo un surplus di riflessione sul Mes e un suo utilizzo. Per Matteo Renzi, intervenuto al dibattito che ha fatto seguito alle comunicazioni di Conte al Senato, “i 37 miliardi del Mes hanno una condizionalita’ inferiore ai prestiti del Recovery Fund. Se non si ha il coraggio di dirlo, si sta mentendo. Sono risorse che arrivano in autunno. Sfido l’intero arco parlamentare a trovare un presidente di Regione o un candidato presidente di Regione che dica no al Mes. Sono soldi che vanno ai cittadini”. 

Il premier ha illustrato al Senato l’accordo Ue raggiunto ieri a Bruxelles

Ma la contrarietà del M5s rimane netta. Il Capo Politico, Vito Crimi, sottolinea che dopo la vittoria italiana sul Recovery Fund, non c’è bisogno di altro: “Siamo andati a Bruxelles giocandoci la partita fino in fondo, dimostrando che del Mes possiamo fare a meno e puntando su strumenti nuovi, di fronte a una crisi sanitaria ed economica nuova che richiede un approccio diverso rispetto al passato”.

Una maggioranza alternativa?

Ciò che potrebbe venirsi a determinare nelle Aule parlamentari sul Mes è una maggioranza alternativa, visto che anche Forza Italia è fermamente convinta dell’opportunità offerta dallo strumento europeo. “Quelli del Mes sono soldi che possono essere utilizzati direttamente o indirettamente per la sanità: ritengo anche per la scuola, perché significherebbe garantire la salute. Quei soldi sono disponibili dal primo giugno e mi stupisce che il governo non li abbia chiesti”, spiega il vice presidente di Forza Italia, Antonio Tajani.

A stigmatizzare l’ipotesi di una maggioranza diversa da quella che sostiene il governo è Stefano Fassina di Leu: “Con la martellante richiesta di accedere al Mes il Pd vuole ridefinire, con il concorso di Forza Italia, la maggioranza a sostegno del Governo Conte? Sarebbe un grave errore sul piano economico e politico”, dice Fassina. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE