fbpx

Coronavirus, ecco il nuovo dpcm. Mascherine all’aperto, chiusura locali alle 23

Politica

Mascherine obbligatorie anche all’aperto, chiusure anticipate dei locali e feste private a numero ridotto: queste le misure nazionali anticoronavirus attese nel nuovo Dpcm.

Con il Dpcm in scadenza il 7 ottobre, il Governo sta per vararne uno nuovo che va nella direzione di nuove restrizioni per contenere il contagio da coronavirus. “Rinunciando anche ad alcune libertà” per la salute, spiega il premier, Giuseppe Conte, in un colloquio con il Corriere della Sera. “Come abbiamo sempre fatto – dice – qualsiasi misura sarà adottata in piena trasparenza e all’insegna dei principi di proporzionalità e adeguatezza. È stato così nella fase acuta della pandemia e così continuerà a essere. Tutelare la salute dei cittadini e quindi garantire condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro e ovunque si svolga la vita sociale, significa preservare anche l’economia e il nostro tessuto produttivo”.

C’è il timore che la risalita della curva epidemiologica possa creare problemi nelle strutture sanitarie. Arriva dunque una nuova stretta per evitare che si torni al lockdown.  Tra le misure la copertura di naso e bocca anche per strada. Rimane in vigore il divieto di assembramento. Saranno intensificati i controlli con l’utilizzo della polizia locale e dei soldati già impegnati nell’operazione “Strade sicure”.

Arriva una stretta anche per quanto riguarda le feste private e le cerimonie come battesimi e matrimoni. Massimo 200 persone per le feste private. Rimane il divieto di ballo e l’obbligo delle mascherine al chiuso quando non si riesce a mantenere la distanza di sicurezza di un metro. Vale anche per cinema e teatri. Viene anticipato l’orario di chiusura di bar e ristoranti, ma in accordo con i presidenti delle Regioni, a seconda delle situazioni locali. Questo per evitare di incidere in maniera negativa su settori già in crisi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE