fbpx

Giorgio Morales

Toscana

Giorgio Morales

Ho conosciuto Giorgio Morales per caso, nel 1968. Vivevo allora a Pistoia. Non potevo immaginare, allora, che mi sarei trasferito a Firenze e che lo avrei incrociato lungamente nel corso della nostra vita, come collega assessore, come suo vicesindaco, soprattutto come amico.

Giorgio Morales, Sindaco di Firenze dal 1989 al 1995

Ho conosciuto Giorgio Morales per caso, nel 1968. In quell’anno si svolse il congresso nazionale del PSI-PSDI unificati. Vivevo allora a Pistoia. Il partito recava la dicitura “unificato” ma, tanto per cominciare, affrontava il suo primo e unico congresso diviso in cinque mozioni. Assieme ad alcuni giovani come me, ne avevamo presentata una sesta, una mozione locale. Giorgio lo incontrai al congresso che si svolgeva nella sezione di Agliana, secondo il rito allora vigente: prima un relatore per ognuna delle mozioni, poi gli interventi dei “compagni di base”, infine votazioni e assegnazione dei delegati per il congresso provinciale alle mozioni, a seconda della percentuale raggiunta. La mozione della sinistra lombardiana, probabilmente forte ad Agliana, aveva deciso di presentarsi alla assemblea con un peso massimo, fatto venire da Firenze: Giorgio Morales, appunto. Ci fu il presentatore della mozione che faceva riferimento a livello fiorentino ad un ministro socialista (Mariotti) che nella foga chiese di votare la sua mozione anche perchè ne faceva parte un ministro che “quando è il caso, sa anche battere i pugni sul tavolo del governo per difendere le proposte socialiste”. Non fece in tempo a finire, che sentii Giorgio ribattere con la sua voce calda ed ironica: “ne deve avere rotti tanti di tavoli codesto ministro”. MI rimase simpatico con quella battuta, pur essendo la sua mozione certo la più distante da quella che stavo per presentare alla assemblea io. Non potevo immaginare, allora, che mi sarei trasferito a Firenze e che lo avrei incrociato lungamente nel corso della nostra vita, come collega assessore, come suo vicesindaco, soprattutto come amico. Un uomo colto e affabile; fermo nei suoi principi e nelle sue idee; competentissimo come amministratore, anche perchè sorretto da solida cultura giuridica. Ciao Giorgio.

Nicola Cariglia


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE