fbpx

La moda sostenibile

Arte, Cultura & Società

Una moda sostenibile, ecologica e ispirata ai principi dell’Economia Circolare esiste. Il continuo abbassamento dei costi degli indumenti e degli accessori ha portato il mondo della moda ad essere uno dei settori più inquinanti del pianeta: prezzi stracciati, consumismo impazzito, acquisto di capi moltiplicato e di conseguenza enorme produzione di rifiuti. Preciso che i capi di abbigliamento a basso costo sono frutto di condizioni lavorativi scarsamente controllate.

Environmental Protection Agency ha stiamato che dal 1960 al 2015 i rifiuti tessili aumentati dell’811%… migliaia di tonnellate di rifiuti non recuperali, da conferire in discarica o essere bruciati causando un vertiginoso aumento di emissioni di anidride carbonica. L’industria tessile, in termini di inquinamento, è seconda solo a quella del petrolio. Qualche segnale positivo però c’è: moltissime azienda dell’industria della moda sono alla ricerca di nuovi modi di produzione che siano ispirati alla sostenibilità e al rispetto della vita degli animali.

Magliette di polpa eucalipto, faggio e alghe, borse e scarpe di pelle di cactus. La T-shir Plant and Algae è una maglietta intessuta con filo ricavata dalla polpa di eucalipto e faggio utilizzando le alghe come stampe… geniale! Essa è biodegradabile: quando cesserà di essere indossata diventerà ottimo cibo per i vermi e gli altri animali. E’ possibile seppellirla in qualsiasi terreno, non è un rifiuto tossico (sic!), e dopo un anno gli animali potranno mangiarla tranquillamente. Altra straordinaria idea è l’utilizzo della pelle di cactus al posto del pellame derivante dagli animali: l’idea è di due ragazzi messicani spinti dal desiderio di far cessare l’utilizzo di pelle animale e evitare l’inquinamento; l’ecopelle, ad esempio, è prodotto con la plastica. Raccolte le foglie basta pulirle e lasciarle asciugare al sole per tre giorni per poi sottoporle a lavorazione.

Sono molti i giovani che stanno diffondendo queste idee rivoluzionarie: vestiti fatti con vecchie reti da pesca, bucce di mele, scarti del caffè ecc. E’ di fondamentale importanza che tali tecnologie e innovazioni siano sempre più accessibili nel campo dell’industria tessile per il bene del nostro amato pianeta.

Adriano Pistilli

Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti, esperto di Diritto Ambientale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE