fbpx

Un primo caso di variante brasiliana del Covid in Gran Bretagna

Estero

È stata accertata la circolazione in Gran Bretagna di una delle due varianti brasiliane del virus. A dichiararlo è stata la professoressa Wendy Barclay, dell’Imperial College di Londra sollevando la preoccupazione che questa mutazione possa ostacolare l’immunità.

Sembrerebbe che questa “variante brasiliana” possa infettare nuovamente chi ha già contratto il virus. Un’infermiera brasiliana di 45 anni, che lo scorso ottobre era risultata positiva al Covid, ha nuovamente contratto il virus cinque mesi dopo. Nella seconda infezione i suoi sintomi sono notevolmente peggiorati.

Un primo caso è stato accertato anche in Gran Bretagna. Questo ha spinto il governo britannico a vietare tutti i voli dal Sud America. Grant Shapps, segretario ai trasporti, ha dichiarato di aver ampliato il divieto al solo Brasile per “ridurre il rischio di importare infezioni”.

La variante, che ha spinto il Regno Unito a vietare tutti i voli dal Sud America, è caratterizzata da una mutazione genetica, chiamata E484K, che consentirebbe al virus di superare l’immunità sviluppata a seguito di una prima infezione con la precedente versione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE