fbpx

Giorgia e la gioia di diventare madre dopo un tumore e la mastectomia

Cronaca

 

A Cagliari una donna di 35 anni, è riuscita ad avere una figlia lo scorso ottobre. Nel febbraio del 2017 aveva scoperto un nodulo al seno e poi una mutazione genetica simile a quella che aveva convinto l’attrice Angelina Jolie a sottoporsi all’asportazione preventiva delle mammelle.

 

© Aou Cagliari – La famiglia Sanna accanto al chirurgo Andrea Figus

L’asportazione totale delle mammelle e il rischio di perdere anche le ovaie per un tumore non hanno scoraggiato una donna che in Sardegna, passando per l’incubo e la chemioterapia, è riuscita ad avere una figlia. La piccola Margherita è nata a Cagliari il 30 ottobre scorso, dopo che sua madre Giorgia, 35 anni, ha dovuto affrontare un difficile percorso di guarigione e ricostruzione, inclusa una mastectomia bilaterale, lo stesso tipo di intervento al quale aveva scelto di sottoporsi, a scopo preventivo, l’attrice Angelina Jolie.

 “A febbraio del 2017 mi sono accorta di avere un nodulo al seno, è iniziato tutto da lì'”, racconta Giorgia Sanna, paziente di Andrea Figus, direttore della Chirurgia plastica e microchirurgia del Policlinico universitario di Cagliari. Due mesi dopo la donna è stata operata la prima volta per la rimozione del tumore. All’intervento è seguita la radioterapia. “In quei giorni ho deciso di sottopormi a un test genetico dove è stata evidenziata una mutazione del gene BRCA 1, che aumenta il rischio dell’80% di sviluppare tumore mammario durante tutto l’arco della vita”, ricorda la donna. “Per questo motivo, dopo averci pensato su, ho optato per una mastectomia profilattica bilaterale, trovando, però, difficoltà per l’intervento di ricostruzione, in quanto qua a Cagliari mi veniva proposta solamente la ricostruzione con le protesi”. Ma poi Giorgia ha incontrato il chirurgo che le avrebbe restituito la speranza. “Con lui ho avuto la possibilità di poter fare un altro tipo di intervento che mi avrebbe permesso in un unico tempo di ridurre i rischi dovuti all’inserimento della protesi in una mammella irradiata”.

L’anno scorso, conclusa la radioterapia, racconta Andrea Figus, “Giorgia è stata sottoposta a un intervento durato 8 ore: le sono state asportate le ghiandole mammarie e contestualmente è stato prelevato il tessuto dall’interno delle cosce (Pap flap bilaterale) per poi ricostruire entrambi i seni, con un risultato positivo sia dal punto di vista clinico sia estetico”. Col marito Mauro Frau, 36 anni, Giorgia ha affrontato paure e dolori e poi la gioia della nascita di Margherita.

“Si prospettava l’eventualità dell’ovariectomia, uno degli interventi da mettere in atto per la profilassi e per evitare l’insorgenza di nuovi tumori”, ricorda Mauro. “Purtroppo la mutazione espone a una probabilità maggiore di un’insorgenza di tumori a carico dell’ovaio. Avevamo una finestra di tempo molto ristretta e fortunatamente lei”, dice pensando a Margherita, “è arrivata, non si è fatta attendere”.  agi 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE