fbpx

Papa: “Scandaloso che non cessano i conflitti armati e si rafforzano gli arsenali militari”

Oltre Tevere

Nel messaggio Urbi et Orbi dopo la Messa di Pasqua Papa Francesco prega per i vari teatri di guerra nel mondo e per chi soffre a causa della pandemia.

di Claudio Gentile

 

“La pandemia è ancora in pieno corso; la crisi sociale ed economica è molto pesante, specialmente per i più poveri; malgrado questo – ed è scandaloso – non cessano i conflitti armati e si rafforzano gli arsenali militari. E questo è lo scandalo di oggi”. Così Papa Francesco ha aperto il consueto messaggio Urbi et Orbi pasquale per la seconda volta pronunciato nella Basilica di San Pietro anziché dal balcone centrale sulla Piazza.

Il Papa non poteva far mancare un riferimento alla pandemia in corso ed ha pregato il Signore affinché “ispiri l’agire delle autorità pubbliche perché a tutti, specialmente alle famiglie più bisognose, siano offerti gli aiuti necessari a un adeguato sostentamento. La pandemia ha purtroppo aumentato drammaticamente il numero dei poveri e la disperazione di migliaia di persone”. Ha quindi rivolto un invito all’intera comunità internazionale perché si impegni a “superare i ritardi” nella distribuzione dei vaccini, definiti “uno strumento essenziale per questa lotta”, e favorisca “la condivisione, specialmente con i Paesi più poveri”.

Francesco ha avuto parole anche per i più piccoli ed i giovani “che sono stati costretti a trascorrere lunghi periodi senza frequentare la scuola o l’università e condividere il tempo con gli amici. Tutti abbiamo bisogno di vivere relazioni umane reali e non solamente virtuali, specialmente nell’età in cui si forma il carattere e la personalità”.

Prima di benedire i presenti il pontefice ha pregato per le varie realtà che nel mondo soffrono per guerre, povertà, emigrazione forzata, terrorismo: il Myanmar, Haiti, il Libano, lo Yemen, la Siria, la Libia, la Terra Santa, l’Iraq da poco visitato, il Sahel, la Nigeria, l’Etiopia, l’Ucraina, il Nagorno-Karabakh. “Troppe guerre e troppe violenze ci sono ancora nel mondo! – ha detto il Papa -. Il Signore, che è la nostra pace, ci aiuti a vincere la mentalità della guerra”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE