Maradona: persino una macchina da caffè…

I cinque figli del “Re di Napoli” argentino vendono all’asta case, auto, trofei e dediche al “Pibe de Oro”, ma non basta

Arte, Cultura & Società

Di

Eppur qualcosa sfugge sempre.
Sebbene a Napoli un certo Angelo Coviello, leader di IGB Broker, si fosse mosso per tempo arrivando a stipulare un contratto assicurativo per tutelare il valore economico de “il tesoro del Pibe” – la collezione privata che include tutti gli oggetti appartenuti a Diego Armando Maradona (comprese le scarpe da ginnastica che il 5 luglio 1984 il fenomeno indossò al San Paolo in occasione della presentazione in squadra) – e creando addirittura un museo, molti cimeli preziosi presenti dall’altra parte del mondo verranno invece venduti al miglior offerente.

Monetizzare i beni di lusso di Maradona con un’asta on line

Lo ha stabilito il Tribunale di Buenos Aires con sentenza del giudice Susana Tedesco, in seguito alla richiesta comune avanzata dai cinque figli del calciatore (avuti da quattro donne diverse) di materializzare in denaro, con un’asta internazionale in streaming, una lunga lista di beni mobili e immobili del padre: la villa di Villa Devoto a Buenos Aires (valore di circa 900mila dollari), un’altra abitazione ubicata a Mar del Plata (valutata intorno ai 65mila dollari) e le tre autovetture (una BMW Coupé e una 750 del 2017 più una Hyundai Van H-1 con base d’asta stimata di circa 38mila dollari).

Anche i ricordi hanno il loro prezzo

Ma non è tutto. Dalma, Gianinna, Diego Jr, Jana e Dieguito Fernando (di 8 anni appena) venderanno infatti anche alcuni ricordi dal valore affettivo, forse ancora più prezioso: un’epistola scritta a Maradona da Fidel Castro; 13 palloni personalizzati da un artista colombiano (alcuni con l’autografo de “El Diego”, tra cui quello ufficiale del Napoli); varie maglie da calcio (tra le quali quella napoletana rossa di Hamsik, firmata); la polo da tennis donata a Maradona con dedica da parte di Roger Federer; 3 casse piene zeppe di premi e trofei; 31 libri di autori vari, tutti con un messaggio per il campione; 3 orologi Rolex e 14 Hublot; 4 televisori; un set di attrezzi per allenamento, tra cui una cyclette; vestiti di vario genere e in ultimo una macchina da caffè “Dolce Gusto”.

L’asta, organizzata dall’agenzia Adrian Mercado di Buenos Aires, è stata fissata per il 19 dicembre 2021 e sono previste offerte sostanziose e un gran numero di partecipanti.
Chissà che qualcosa non voli a Napoli…

Antonio Quarta

Redazione Il Corriere Nazionale

Corriere di Puglia e Lucania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube