Presentazione dell’Istituto Superiore di Umanizzazione della Federiciana Università Popolare a Lecce

Attualità & Cronaca

Di

Come valorizzare spazi e servizi del grande patrimonio professionale italiano è stato l’argomento del convegno di apertura e presentazione dell’Istituto Superiore di Umanizzazione, che si è tenuto lunedì 29 novembre alle 17.30, al Centro Studi Rudiae, a Lecce.

Interventi e riflessioni sono partiti dalla considerazione del professor Salvatore Maria Mattia Giraldi, presidente di Unifedericiana, ideatore del progetto sulla umanizzazione della Pubblica Amministrazione. “La perdita dei valori e la deriva educativa, sociale, familiare ed individuale gravano sul rispetto della dignità umana – dice il professor Giraldi – Il rispetto umano è la piaga della Pubblica Amministrazione e in particolare della Sanità. Etica e benessere organizzativo sono necessari per far prevalere il volto umano di servizi e benessere”.

Di tutto questo si è discusso nel corso dell’iniziativa curata della Federiciana Università Popolare, con la collaborazione delle Scienze Forense e il sostegno della Confederazione nazionale università popolare italiane.

Ha moderato i lavori il professor Cosimo Lorè, Scienze Forensi, Siena.

I saluti istituzionali sono stati affidati al presidente Giraldi, alla professoressa Giusy Negro, direttore dell’Istituto Superiore di Umanizzazione e alla professoressa Maria Silvia Arcuti, docente del Dipartimento di Scienze Mentali, Fisiche, Emotive, Sociali e Cognitive.

Molto profondo e lungimirante è stato l’intervento di Suor Anna Monia Alfieri – Giurista, Economista, Saggista, Docente Unifedericiana e Altis Università Cattolica di Milano, che ha centrato il suo intervento sulle nuove generazioni. Secondo Suor Anna Monia per far sì che i nostri giovani imparino, occorre condividere dei valori, occorre creare i presupposti perché, indipendentemente dalle convinzioni religiose di ciascuno, si crei un humus culturale che possa diventare terreno prospero di idee e di valori talmente buoni da essere ritenuti degni di essere trasmessi alle generazioni future.

Questo deve diventare il pensiero forte.

Il momento d’eccellenza del convegno è stata la lezione magistrale del professor Alessandro Meluzzi, medico psichiatra psicoterapeuta.

Sono seguiti gli interventi dell’Arch. Pasquale Di Gioacchino – Ingegneria del recupero del patrimonio architettonico, Direttore Dipartimento Unifedericiana Pescara, del Dott. Antonio Peragine, Direttore del Dipartimento Giornalismo e relazioni pubbliche internazionali etica e dinamiche dell’informazione e direttore di questa testata giornalistica on line, http://www.corrierenazionale.net, dell’Avv. Angelo Lucarella – Direttore Dipartimento Studi Politici, Costituzionali e Tributari, Unifedericiana, del Prof. Ennio De Bellis – Docente Università del Salento, Storia della filosofia, del Prof. Carlo Alberto Augieri – Docente Università del Salento, Critica letteraria. Letterature comparate, della Prof.ssa Claudia Gaudino – Comitato Scientifico Istituto Superiore di Umanizzazione, Docente di canto libero e applicazione di musicoterapia e cantoterapia, del Dott. Ivano Marchello – Medici Legale, Scienze Forensi, Siena, dell’Avv. Giovanni Castoro – Studi Giuridici e Ufficio Legale, Scienze Forensi, Siena, del Dott. Antonio Cioffi – Rianimatore 118 Lecce, del Don Alberto Signore – Presidente Associazione Amici dei MENHIR.

Il convegno ha visto alta e motivata partecipazione di tutto il pubblico presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube