Giorno del ricordo anche per i carabinieri

Attualità & Cronaca

Di

di Giorgio Girelli *

Nel riconfermare sentimenti di ammirata e profonda gratitudine per l’operato  dell’Arma dei Carabinieri a tutela della sicurezza e della legalità dell’Italia e nell’esprimere vivo apprezzamento per le preziose ricerche storiche  del Gen. Antonino Neosi che ha portato alla luce eroismi ignorati , desidero associarmi al riconoscente ricordo dei Carabinieri vittime  –  durante l’ultima parte la seconda guerra mondiale,  al confine orientale del Paese  –   “della persecuzione, del nazionalismo violento, del totalitarismo oppressivo” come ha detto il Capo dello Stato: ne sono triste ma meritorio esempio il m.llo Sebastiano Costanzo (Comèno), il m.llo Torquato Petracchi (Parenzo), nonchè il S.ten. Angelo Finucci (Gallignana) ed il m.llo Francesco Mereu (Pedea) con i loro 15 Carabinieri, i dodici Carabinieri di Bretto Inferiore (medaglia d’oro al valor civile), nonché i tanti Carabinieri allora in servizio presso la Legione di Trieste, i battaglioni CC mobilitati nella Venezia Giulia, nell’Istria, in Dalmazia “rimasti al loro posto”, come sottolinea il generale Neosi.

Sempre in sintonia con le parole del Capo dello Stato , “è un impegno di civiltà conservare e rinnovare la memoria della tragedia ” di questi servitori dello  Stato e di tutti “gli istriani, i fiumani, i dalmati e gli altri italiani che avevano radici in quelle terre”.

Presso la Foiba di Basovizza – Monumento Nazionale,  nel comune di Trieste, il 16 Maggio 2018  il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri ha inaugurato il Monumento in “memoria di tutti i Carabinieri infoibati, scomparsi e soppressi”.

*Coordinatore Centro Studi Sociali “A. De Gasperi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube