Nascere nei sotterranei della metropolitana di Kiev

Attualità & Cronaca

Di

Ricevo via watzapp dal Comitato per l’Ucraina dalla Romania e pubblichiamo.

L’ho ricevuta ora dalla dott.ssa Geremicca, dirigente scolastico della Canevari di Viterbo, è una poesia scritta dalla maestra Laura Scipioni della stessa scuola. Mi ha chiesto di farla girare e così faccio, con la speranza che vogliate farlo anche voi;

Alla piccola Mia, nata oggi a Kiev nei sotterranei della metropolitana durante i bombardamenti, dedico questi pochi versi rozzi che ho scritto di getto ma con il cuore colmo di tenerezza e speranza. A Mia, che è anche figlia mia e nostra.

Ninna nanna sotto le bombe,
gallerie che son culle, e son tombe,
apri gli occhi e sei già sotto terra,
non spaventarti, piccina, è la guerra.
Niente fiocchi sulla tua culla,
niente coperte, qui non c’è nulla,
ma c’è un seno pieno d’amore
che ti accoglie senza rumore.
Ninna nanna, fai sogni belli,
sogna che tutti siamo fratelli,
sogna di un mondo senza confini,
con liberi uomini, donne e bambini.
Sei piccola luce, sei grande speranza,
ti auguro Pace, ed è già abbastanza.’

foto ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube