“A Ischia c’è un’urbanizzazione che ha colpito e devastato tutto il territorio”

Economia & Finanza

Di

Lo spiega all’AGI il direttore dell’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irpi), Tommaso Moramarco, all’indomani della frana e dei fiumi di fango che hanno colpito l’isola nelle ultime ore

di Stefano Benfenati

Ischia, danni dopo il maltempo

AGI – “A Ischia c’è un’urbanizzazione che ha colpito e devastato tutto il territorio”. La tragedia provocata nell’isola dall’ondata di maltempo quindi “non è legata solo al cambiamento climatico ma riguarda anche la cura del territorio”. Lo dice all’AGI il direttore dell’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irpi), Tommaso Moramarco, riferendosi al fiume di fango che ha sommerso il Comune di Casamicciola.

Penso che dovremmo rispettare molto di più il nostro territorio. Quello che si è verificato – spiega l’esperto – è certamente legato ad un evento estremo perché sono caduti 126 millimetri di pioggia in 6 ore, il dato più alto degli ultimi 20 anni, ma è stato anche colpito un territorio completamente urbanizzato. Il fenomeno è complesso e coinvolge fattori come il clima e il consumo del suolo attivo visto che Ischia è una meta super turistica”.

 

In un ambiente a elevato rischio idrogeologico “è mancata la manutenzione dei corsi d’acqua, dei canaloni, questi sono aspetti molto importanti che – continua Moramarco – consentono di mitigare l’effetto degli eventi estremi. Quello che e’ successo non e’ solo un problema dell’isola di Ischia ma e’ anche una questione da porre a livello nazionale ed europeo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube