Dopo il disastro di Ischia, il maltempo minaccia le Eolie

Attualità & Cronaca

Di

Vento e mare forte stanno flagellando le isole che soffrono le conseguenze delle burrasche che interessano tutto il messinese

di Letizia Barbera

© Rosine Mazin / Mazin Rosine / Aurimages via AFP

– Lo Stromboli

AGI – Vento e mare forte stanno flagellando le Isole Eolie che in questo fine settimana stanno soffrendo le conseguenze del maltempo che interessa tutto il messinese. Il sindaco di Lipari Riccardo Gullo ha fatto una ricognizione sull’isola perché le coste sono colpite dalle mareggiate. Disagi per il maltempo anche nelle altre isole. “Non abbiamo situazioni eccessive ma certamente c’è disagio in tutto il territorio delle Eolie per il maltempo. Si sta provvedendo a liberare il lungomare di Canneto per renderlo praticabile, siamo intervento dappertutto c’è qualche muro crollato, ma c’è massimo impegno di tutti ed anche dei volontari” dice all’AGI il sindaco di Lipari, Riccardo Gullo.

“È una situazione difficile e lo sarà per tutto l’inverno – prosegue – dovremo ragionare su interventi di mitigazione di questo rischio sia da monte che da lato mare”. Per quanto riguarda la situazione di Stromboli il sindaco guarda agli interventi che si stanno facendo sull’isola per evitare tragedie come quelle di Ischia: “Ho vissuto all’inizio del mio mandato – dice ancora ad AGI – la situazione di Stromboli, so cosa si vive in quelle situazioni e quali disagi alla popolazione, a Ischia però ci sono state vittime e questo peggiora notevolmente la situazione. Nel caso di Stromboli, pur avendo una situazione disastrosa, un fango enorme, non ci sono state vittime. Restiamo in allerta e capisco il momento terribile di Ischia perché in presenza di vittime questo diventa più terribile e penoso. A Stromboli gli interventi che stiamo facendo, sia quelli che sta portando avanti l’autorità di bacino, sia quelli che ho chiesto al dipartimento di protezione civile nazionale, nel momento in cui saranno realizzati secondo me mitigheranno molto il rischio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube