Il costo dell’energia è triplicato per le imprese del terziario

Economia & Finanza

Di

I dati di Confcommercio: nel 2022 è a 40 miliardi rispetto a un anno fa (era a 13). A ottobre si registra un fortissimo rincaro delle offerte elettriche sul mercato libero anche riguardo al settore domestico

AGI – Il costo dell’energia per le imprese del terziario, al netto delle misure già stanziate dal governo, rimane insostenibile con una spesa complessiva – elettricità e gas – per il 2022 di circa 40 miliardi di euro, più del triplo rispetto al 2021 (13 mld). Rispetto al mese di luglio 2022, infatti, a ottobre si registra un fortissimo rincaro delle offerte elettriche sul mercato libero riguardo al settore terziario, come anche in quello domestico.

L’aumento del prezzo del kWh pagato mediamente dalle imprese del terziario è +74%. Lo segnala l’Osservatorio Confcommercio Energia per il quale anche per le offerte di gas naturale, rispetto alla rilevazione di luglio, si registra una fortissima impennata del prezzo, con valori che addirittura arrivano a toccare il +104%.

E’ l’allarme lanciato da Confindustria: il prezzo del gas sta di nuovo salendo e il caro-energia accresce i costi ormai da 12 mesi. Cgia, nel 2022 Pil da record, doppiati Francia e Germania

Inoltre, rispetto alle precedenti rilevazioni dell’Osservatorio – dove si evidenziava una maggiore convenienza delle offerte del mercato libero rispetto alle tariffe del tutelato – emerge, a ottobre, l’opposto: con una tariffa regolata per l’ultimo trimestre 2022 di 0,66 /kWh, il tutelato ha valori più bassi del mercato libero dove i prezzi sono abbondantemente superiori a 0,75 /kWh.

Dati che preoccupano molto in vista del previsto superamento del fine tutela per le microimprese (rinviato dall’Arera dal 1 gennaio al 1 aprile 2023) e che rendono quindi necessario un ulteriore intervento di proroga, almeno a tutto il 2023.

Ad oggi, il costo dell’energia continua ad essere ancora molto lontano dai valori dello scorso anno: nel confronto tra ottobre 2021 e ottobre 2022, infatti, gli aumenti della spesa annuale per le imprese del terziario arrivano a toccare punte del 240% per l’elettricità e del 212% per il gas. Viceversa, risultano in calo i prezzi per i prodotti petroliferi con il prezzo alla pompa del gasolio che scende a 1,8 /lt contro poco meno di 2 /lt a giugno.

I rincari pesano anche sulle famiglie con un costo complessivo della spesa elettrica per il 2022 più che raddoppiato rispetto a un anno fa (da 24 a 54 mld). I dati confermano, pertanto, che il costo dell’energia continua a mettere in crisi i bilanci delle imprese e ancora oggi si prevedono chiusure di molte attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube