Prezzi alle stelle? In Usa in molti dicono addio agli animali domestici

Economia & Finanza

Di

I ricoveri per animali in tutti gli Stati Uniti hanno assistito ad una impennata di consegne di animali domestici mentre l’inflazione erode i risparmi delle famiglie

 

di Alberto Ferrigolo

© TIMOTHY A. CLARY / AFP
– Animali domestici

 

AGI – Il costo della vita, l’aumento dei prezzi energetici e al dettaglio, l’impennata dell’inflazione stanno erodendo i margini delle disponibilità economiche dei più e mettendo molti proprietari di animali dinanzi ad un interrogativo drammatico: arrendersi e rinunciare al proprio cane, gatto o pappagallo in modo da poter reggere la crisi e continuare a mantenere le proprie famiglie?

Secondo i dati del gruppo commerciale dell’American Pet Products Association, il 35% dei proprietari di animali domestici a settembre ha dichiarato di essere preoccupato di dover sostenere le spese di un animale nell’ambito della propria economia domestica e, di questi, la metà ha affermato che potrebbe dover rinunciare al proprio animale di casa.
Commenta il Washington Post: “I veterinari e i rifugi per animali affermano che si tratta d’un segnale preoccupante per il futuro degli animali domestici” e la loro “adozione per le famiglie a basso reddito sta diventando fuori portata”: il 14%, per esempio, ha dichiarato di non potersi permettere di continuare a mantenere il proprio animale mentre il 12% ha affermato che l’animale è stato ricollocato e il 9% ha affermato di non potersi più prendersene cura del proprio per una serie di motivi.

“Quando l’economia è in difficoltà, le famiglie sono in difficoltà”, ha affermato Lindsay Hamrick, direttrice per la promozione dei rifugi presso la Humane Society degli Stati Uniti. “È una resa”. In conseguenza di ciò, i ricoveri per animali in tutti gli Stati Uniti hanno dichiarato al Washington Post di aver assistito ad un afflusso di consegne di animali domestici quest’anno mentre l’inflazione mantiene la sua morsa sui bilanci delle famiglie.

Così, se da un lato i prezzi del gas e dei generi alimentari rimangono alti, come di sfatto la spesa più importante per la maggior parte degli americani che è il fitto per l’alloggio (aumentato del 5,9% su base annua a novembre e di quasi il 18% nel 2021), nel frattempo la manutenzione degli animali domestici non è affatto economica: cibo per un anno, forniture varie e cure mediche di routine costano circa tra 500 e 1.000 dollari per un cane e 650 per un gatto, secondo l’ente per la protezione degli animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube