L’agente inglese che ha confessato una serie di stupri è stato licenziato

Mondo

Di

David Carrick, accusato di 24 violenze nei confronti di 12 donne e una serie di reati sessuali commessi nell’arco di due decenni, è stato destituito per cattiva condotta
© Afp – Polizia metropolitana di Londra

 

AGi – È stato formalmente licenziato dalla polizia David Carrick, l’agente che ha ammesso 24 accuse di stupro nei confronti di 12 donne e una serie di reati sessuali commessi nell’arco di due decenni. Il vicecommissario Louisa Rolfe afferma che il caso di David Carrick è “nauseante e orribile” e ha avuto “conseguenze di vasta portata” per la polizia. “Spero davvero di non vederne mai più uno simile”, ha detto nell’udienza disciplinare.

Carrick, 48 anni, era stato sospeso dal lavoro nell’unità armata che protegge i parlamentari e i diplomatici stranieri da quando sono emerse le accuse alla fine del 2021. Le udienze per cattiva condotta della polizia si tengono in genere dopo la conclusione del procedimento penale contro un agente.

Ma quella di Carrick è stata accelerata dopo le sue dichiarazioni di colpevolezza di ieri e, insolitamente, è stata aperta ai media data la diffusa preoccupazione per i suoi crimini. L’avvocato Hywel Jenkins, che rappresenta il commissario della Met Police Mark Rowley, ha definito i crimini di Carrick “atroci, mirati e deliberati”.

Hanno avuto un impatto “catastrofico” sulle sue vittime e sulle loro famiglie e hanno minato la fiducia nel servizio di polizia. “L’opinione pubblica della Grande Londra si aspetta che gli agenti di polizia rispettino la legge e proteggano le donne dalla violenza”, ha detto Rolfe. “L’agente di polizia Carrick ha fatto il contrario”.

Carrick, un ex soldato che non ha partecipato all’udienza e non aveva un rappresentante legale, è stato licenziato per cattiva condotta. Il suo reato ha messo sotto pressione Rowley, che ha assunto la guida della più grande forza di polizia britannica solo nel settembre dello scorso anno.

La fiducia dell’opinione pubblica nella Met aveva già risentito della condanna di un altro agente per il rapimento, lo stupro e l’omicidio di una giovane donna due anni fa. Wayne Couzens, che uccise Sarah Everard nel 2021 e sta attualmente scontando una condanna all’ergastolo, ha prestato servizio nella stessa unità di Carrick.

Ma in entrambi i casi, le procedure di controllo che avrebbero potuto identificare prima i loro reati sono risultate carenti. Non sono stati presi provvedimenti né nei confronti di Couzens, accusato di essersi esposto nel 2015, né nei confronti di Carrick, che aveva una serie di denunce a suo carico.

Due rapporti ufficiali sulla Met e su altre forze armate in Inghilterra e Galles hanno concluso che i controlli sul passato erano poco rigorosi e che esisteva una cultura dell’impunità. Rowley si è impegnato a “dare la caccia ai razzisti e ai misogini che ci stanno minando“, provocando un’ondata di azioni disciplinari contro gli agenti. Più di 1.600 denunce per reati sessuali e violenza domestica contro poco piu’ di 1.000 agenti e personale della Met Police sono attualmente sotto esame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube