Il Brasile affonda nell’oceano una vecchia portaerei piena di amianto e rifiuti tossici

Mondo

Di

La decisione del governo di Brasilia ha fatto scattare la reazione e le proteste delle associazioni ambientaliste che parlano di “danni incalcolabili” con “impatti sulla vita marina e le comunità costiere”
La portaerei brasiliana affondata nell’oceano

 

AGI – La marina brasiliana ha annunciato di avere affondata nell’Oceano atlantico una vecchia portaerei piena di amianto, vernici e altri rifiuti tossici, provocando le proteste delle organizzazioni ambientaliste. Il “naufragio pianificato e controllato è stato realizzato alla fine della giornata” d’ieri, a circa 350 chilometri dalle coste brasiliane, in una zona in cui la profondità dell’Oceano è di circa 5 mila metri, secondo un comunicato della marina.

La contestata decisione è stata presa perché non c’erano alternative, visto “lo stato molto degradato di questa vecchia nave lunga 266 metri, considerata un “pacco tossico di 30 mila tonnellate” dall’associazione Robin Hood. “Di fronte ai rischi che comporta rimorchiarla e a causa del deterioramento dello scafo, la sola soluzione è abbandonare la nave affondandola in modo controllato”, aveva spiegato la marina in un comunicato congiunto con il ministero della Difesa nei giorni scorsi.

Il pubblico ministero federale del Brasile ha cercato di fermare l’operazione con diversi ricorsi presso i tribunali, avvertendo sulle conseguenze per l’ambiente e ricordando che la portaerei contiene 9,6 tonnellate di amianto, 644 tonnellate d’inchiostri e altri materiali pericolosi: il rischio, ha sottolineato, è di “gravi danni ambientali, soprattutto a causa del fatto che lo scafo è danneggiato. Le Ong ambientaliste Greenpeace, Sea Shepherd e Basel Action Network hanno denunciato “una violazione di tre trattati internazionali”.

Le organizzazione ambientaliste sottolineano che questo naufragio causerà “danni incalcolabili” con “impatti sulla vita marina e le comunità costiere”. Pur definendola una soluzione “tragica”, il giudice del tribunale federale dello stato di Pernambouc, a Nord-Est del Paese, l’ha autorizzata ritenendola inevitabile, poiché lo stato dello scafo avrebbe presto provocato un naufragio spontaneo della nave, e il suo rimorchio avrebbe messo in pericolo il personale che lo avrebbe effettuato.

La nave, costruita alla fine degli anni ’50 nel cantiere navale di Saint-Nazaire nell’Ovest della Francia, è stata per 37 anni al servizio della marina francese prima di essere acquistata nel 2000 dal Brasile. A causa della obsolescenza e dei problemi legati a un incendio avvenuto nel 2005, oltre che dei costi troppo elevati che avrebbe comportato una modernizzazione, Brasilia ha deciso di disfarsene. Acquistata da un cantiere turco per utilizzarne il metallo nel 2021, non trovando un porto dove accoglierla stava rinunciando quando il Brasile ha acconsentito a trasportarla fino al Mediterraneo; ma le autorità ambientali turche hanno stabilito di non volerla ricevere quando si trovava già dalle parti dello Stretto di Gibilterra; a quel punto, è tornata indietro nonostante nel frattempo i danni allo scafo fossero peggiorati.

Lo scorso 19 gennaio, il rimorchiatore olandese ALP Guard ingaggiato dal cantiere ha cominciato ad allontanarsi dalle coste brasiliane dopo diversi mesi al largo della regione del Pernambouc. È stato quindi richiesto l’intervento della marina che ha optato per l’affondamento programmato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube