L’ex M5s Cancelleri passa a Forza Italia, Di Battista: “Mi vergognerei se fossi in lui”

Politica

Di

Nei giorni scorsi aveva annunciato l’addio ai pentastellati, oggi partecipa a una convention degli azzurri a Palermo

PALERMO – L’ex vice ministro delle Infrastrutture ed ex volto del Movimento 5 stelle in Sicilia, Giancarlo Cancelleri, passa a Forza Italia. Cerimoniere di una metamorfosi impensabile appena qualche mese fa è il governatore siciliano Renato Schifani, che accoglie Cancelleri nella convention di Forza Italia al Teatro Politeama di Palermo. “Chi non cambia mai idea non cambia mai nulla“, scherza l’ex M5s, che per due volte è stato candidato governatore in Sicilia contro il centrodestra, parlando con i cronisti al termine della convention che lo vede iniziare il suo percorso “da attivista” negli azzurri.

“IN FI HO TROVATO UNA FAMIGLIA CON DEI VALORI”

“Oggi c’è una famiglia di valori che mi può accogliere e che lo ha fatto nonostante io abbia espresso delle parole dure, anche nei confronti di Schifani, in campagna elettorale – ancora Cancelleri -. Schifani ha voluto andare oltre e io mi sono reso conto che probabilmente in passato ho fatto delle valutazioni errate: invece di continuare a fare degli errori ho cambiato”. E a chi gli chiede se rinneghi il passato, Cancelleri risponde: “Non rinnego nulla. In questi dieci anni ho lavorato per i siciliani, anche quando ero a Roma. Perché dovrei rinnegare quel lavoro e quei sacrifici? Non rinnego neanche la mia militanza nel M5s e l’avere creato un movimento che ha fatto parte della storia democratica di questo Paese, ma che oggi non mi appartiene più. Io oggi aderisco a Forza Italia“.

L’ex vice ministro delle Infrastrutture, che nei giorni scorsi aveva annunciato l’addio ai pentastellati, arriva a convention già iniziata e prende posto in seconda fila, dietro a Schifani. Il governatore lo chiama in causa sul finale del proprio intervento, lui si alza e saluta i nuovi compagni di partito, accolto in verità da un timido applauso. Schifani spiega: “C’è un’area moderata di centro che Forza Italia, dopo il fallimento del terzo Polo, deve intercettare. Abbiamo il dovere di essere aperti a dialogo e di non chiedere le porte, come non le abbiamo chiuse nei confronti di Cancelleri che accolgo con piacere. Ho seguito la sua attività al ministero delle Infrastrutture e posso dire che ha sempre tutelato gli interessi della Sicilia con grande spirito istituzionale”.

DI BATTISTA: “CANCELLERI? PARABOLA INDEGNA, IO MI VERGOGNEREI COME UN LADRO”

Il passaggio di Cancelleri in Forza Italia risveglia l’animus pugnandi del compagno di tante campagne elettorali, Alessandro Di Battista. L’amico di un tempo va giù duro su Facebook:”Ricordo gli attacchi di Giancarlo Cancelleri nei miei confronti quando lasciai il Movimento 5 Stelle per quell’ignobile sostegno al governo Draghi. Governo che, tra l’altro, permise a Cancelleri stesso di incassare qualche stipendiuccio in più come sottosegretario alle Infrastrutture (piazzato da Di Maio che l’altro giorno se ne stava pacioso in una tavola rotonda a mangiare accanto ad Angelino Alfano)”.

‘DIBBA’ CONTRO CANCELLERI

‘Dibba’ poi rincara la dose: “Ricordo interviste piuttosto meschine da parte sua colme di livore (mi chiamava ‘DisFattista’ perché non volevo l’alleanza con il Pd) e rimproveri pubblici. Magari sperava che attaccare me ed inumidire le natiche draghiane gli avrebbe garantito qualche posto al sole. Ricordo quando Giancarlo Cancelleri mi definiva un nostalgico, uno che non capisce la complessità della politica, uno rimasto ai tempi di Casaleggio, uno incapace di evolversi. Ebbene in queste ore Cancelleri (che ha abbandonato il Movimento non per ragioni politiche ma solo perché non gli hanno permesso di candidarsi ancora una volta) sta partecipando alla convention di Forza Italia a Palermo. È forse questa l’evoluzione che non sono riuscito a comprendere? Guardate. Cancelleri è seduto dietro Schifani. Ricordo quello che diceva sia pubblicamente che privatamente di Schifani stesso“.

Renato Schifani e Giancarlo Cancelleri (foto Dire)

“Che parabola indegna- aggiunge-. Io mi vergognerei come un ladro al suo posto. Ma evidentemente c’è chi la vergogna proprio non la conosce come ormai non conosce la vita al di fuori dei palazzi. Gente che ha perso la testa al primo ‘onorevole’ ascoltato. Gente che ha perso il contatto con la realtà alla prima tartina offerta. Che preferisce la promessa di una poltrona alla dignità personale e che ora è costretta pure a ridere alle battute di Schifani per tentare di accreditarsi un po’. A Roma abbiamo un detto: ‘Al culo che non ha mai visto camicia er canavaccio je pare seta’”.

“DI BATTISTA? È UN AMICO MA NON MI FREGA DI CIÒ CHE SCRIVE”

Secca la replica di Cancelleri: “Ad Alessandro piace fare queste cose, piace fare i post su Facebook. Gli mando un grande saluto, per me rimane una persona e un amico a cui voglio bene. È libero di scrivere quello che vuole, a me non frega assolutamente niente, come non mi frega dei tanti che in queste ore stanno scrivendo”.

“NON HO TRADITO NESSUNO, FI NON MI STA DANDO NULLA”

L’ex vice ministro spiega ancora cosa lo ha spinto al ‘grande passo’ verso il nemico di un tempo: “Io non ho tradito nessuno. Non ho elettori in questo momento perché non ho nessun incarico. Non sono candidato e non ho nessun ruolo istituzionale, in Forza Italia non porto nulla e il partito non mi sta dando nulla. Mi sono sentito apprezzato da Schifani per il lavoro che ho fatto, pur non essendo esponente del suo partito – aggiunge -. Schifani ha riconosciuto i sacrifici e gli sforzi che ho portato avanti”.

“DA OGGI COMINCIA UN LAVORO DURO”

E parlando del futuro, Cancelleri evidenzia: “Per me sarà estremamente complicato e difficile, Forza Italia non è un partito al quale ho contribuito, ma le parole pronunciate dal presidente Schifani in interlocuzioni private hanno pesato per l’80% nella decisione che ho preso. In tanti, pubblicamente e privatamente, mi stanno dicendo che ho fatto la scelta giusta, e che sono ben contenti di avermi in questa famiglia. Da oggi comincia un lavoro duro e complicato per dare il mio apporto a una famiglia che è già grande e che ha una sua struttura – continua -. Mi metto a disposizione del presidente Schifani e di chi ne avrà bisogno”.

“CON LIMITE 2 MANDATI POSSIBILI ALTRI ADDII”

Poco prima di lasciare il Politeama, però, una frase sibillina rivolta proprio agli ex amici del M5s: “Se altri miei ex compagni potrebbero fare la mia stessa scelta? All’Ars e nel Parlamento nazionale, visto il limite dei due mandati, probabilmente qualcuno un pensiero lo farà”.

fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube