Spagna in stallo, dopo il voto non c’è maggioranza. Sanchez più forte in Ue

Mondo

Di

Il premier uscente con ogni probabilità riuscirà a portare avanti il semestre di presidenza del Consiglio europeo da una posizione di maggiore forza

AGI – Il partito popolare di Alberto Ninez Feijoo ha vinto le elezioni in Spagna, ma la mancanza di una netta maggioranza, soprattutto a causa della sconfitta dell’estrema destra di Vox e della tenuta del Psoe, prefigura una fase di stallo per la politica spagnola. Di tale situazione trarrà vantaggio il premier uscente Pedro Sanchez, che con ogni probabilità riuscirà a portare avanti il semestre di presidenza del Consiglio Ue da una posizione di maggiore forza. E’ il succo delle analisi politiche che circolano il giorno dopo quella che viene definita una “remontada” di Sanchez rispetto a tutte le previsioni.

In un commento pubblicato da Ispi e firmato da Leonida Tedoldi, professore di Storia delle relazioni internazionali all’Università di Bergamo, si legge che “si è definito uno stallo che però non potrà che favorire il presidente del governo uscente. In sostanza, i popolari hanno aumentato il loro consenso elettorale, raggiungendo il 33% dei voti, ma non hanno conseguito gli obiettivi, soprattutto la “spallata” al “sanchismo” invocata spesso dal leader Alberto Feijòo, e indicata da sondaggi”.

“Se il Partito Popolare è quello che ha ottenuto il maggior numero di voti, confermando il trend delle consultazioni amministrative e prosciugando il serbatoio elettorale di Ciudadanos – prosegue l’analisi del professor Tedoldi – ha però eroso, con una certa sorpresa, anche parte di quello di Vox. Questo ha determinato un arretramento della formazione di estrema destra, depotenziando anche la spinta della destra nel suo complesso. Infatti, i voti reali dei due partiti di destra non sono riusciti ad andare al di là del solito bacino elettorale”.

Non per niente, “il leader di Vox, Santiago Abascal ha già accusato i Popolari di aver fagocitato il proprio elettorato a loro vantaggio. Sono segni che, se visti nell’ottica di una futura coalizione stabile di destra (questione assai controversa, sebbene ci siano delle alleanze in due comunità autonome) potrebbero determinare uno stallo nella crescita generale di quella parte politica”. “Sul fronte opposto, il partito socialista (31,7% dei voti) si è fermato ad 1.4 punti percentuali di differenza dai popolari, un recupero insperato alla luce delle elezioni amministrative di maggio”.

Secondo l’analista, “la strategia del presidente del governo Pedro Sànchez, centrata sul ricorso immediato alle urne dopo la sconfitta alle amministrative – ha avuto l’effetto sperato – da pochi all’interno della leadership del partito, così’ come in pochi erano convinti della rimonta”.

In questo contesto, continua l’analisi dell’esperto, “l’unica possibilità sarebbe ciò che ha già invocato nel discorso di ieri sera: un governo di minoranza – in Spagna è più praticato che in altri sistemi parlamentari europei – che ha bisogno però di un’astensione dei socialisti. Al momento questa possibilità non è in campo. La distanza tra i due più importanti partiti del paese è notevole su tutti i versanti, compreso quello delle normali relazioni istituzionali”. Su questo pesa certamente una campagna elettorale e un’opposizione parlamentare diretta contro la persona del presidente Sanchez, che non ha fatto altro che affossare ogni dialogo costruttivo tra i due leader”.

La direttrice dell’Istituto Affari Internazionali Nathalie Tocci ha osservato che “il dato di fondo è che pur essendo arrivato secondo il Psoe di Sanchez è fra i due principali partiti spagnoli quello che ha maggiori possibilità di creare una coalizione, anche se in realtà l’ipotesi più accreditata è quella di un ritorno alle urne”:

Secondo Tocci, “una vittoria chiara del Partito popolare avrebbe accreditato la narrazione dello spostamento a destra dell’Europa, una storia iniziata con l’Italia, proseguita con Grecia e Finlandia e prevista anche per i prossimi appuntamenti elettorali di Polonia e Slovacchia. Ad oggi questa tesi è stata smentita: ogni Paese ha una storia specifica e la realtà è più complessa delle narrative sugli spostamenti a destra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube