L’inondazione di Derna è stata una tragedia annunciata

Mondo

Di

Costruite negli anni ’70, le due dighe che sono crollate, provocando un’ecatombe, già dal 1998 presentavano lesioni che non sono state mai riparate, complice l’estrema instabilità della Libia

AGI – Le due dighe che sono crollate a Derna, provocando le inondazioni e l’ecatombe in Libia, già dal 1998 presentavano lesioni che non sono state mai riparate secondo numerosi studi e rapporti. Lo stato delle opere, come di altre in tutto il Paese, è stato trascurato dalle amministrazioni che si sono succedute dal 2011 come durante il regime di Gheddafi.

Sotto la pressione delle piogge torrenziali della tempesta Daniel, la prima diga, quella di Abou Mansour dalla capacità di 22,5 milioni di metri cubi, sita a 13 chilometri dalla città, ha ceduto liberando fiumi d’acqua che hanno abbattuto la seconda barriera di Al-Bilad, dalla capacità di 1,5 milioni di metri cubi, collocata ad appena un chilometro dalla città di Derna, che è stata investita dalla furia delle acque.

Le due dighe erano state costruite negli anni settanta da una impresa jugoslava “non per raccogliere l’acqua ma al fine di proteggere Derna dalle inondazioni”, ha detto il procuratore generale libico al-Seddik al-Sour, annunciando di avere aperto una inchiesta sulle circostanze della tragedia. Prima della costruzione delle due dighe, Derna fu ripetutamente colpita da inondazioni imponenti, soprattutto nel 194, 1959 e 1968.

Secondo il procuratore, la direzione delle dighe in Libia aveva già segnalato le lesioni alle infrastrutture dal 1998. Due anni dopo, le autorità avevano incaricato uno studio di progettazione italiano di valutare i danni alle opere ricevendo conferma delle lesioni e la raccomandazione di edificare una terza barriera per proteggere la città di Derna.

Quei lavori mai avviati

Nel 2007, il regime di Gheddafi affidoò a una ditta turca i lavori di riparazione ma la società, in assenza di pagamenti, intraprese le attività solo nell’ottobre 2010 per sospenderli cinque mesi dopo, quando il Paese fu travolto dal vortice della rivoluzione nel 2011. Da allora un importo è stato stanziato ogni anno per la riparazione delle dighe ma nessun governo si è curato di avviare i lavori.

In un rapporto del 2021 l’ufficio di audit libico, l’equivalente di una Corte dei conti, puntava l’indice sulle “esitazioni” governative. In uno studio del novembre 2022, l’ingegnere e docente universitario libico Abdel-Wanis Ashour metteva in guardia dalla “catastrofe” che minacciava Derna se le autorità non avessero proceduto alla manutenzione. Eppure, malgrado questo monito, nessun lavoro fu avviato anche se la Libia – disponendo delle più abbondanti riserve petrolifere del continente – non manca di fondi: ha pesato però sui ritardi la persistente situazione di grave instabilità politica.

 

foto © Abdullah Doma/ AFP –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube