fbpx

Brasile Covid, Medici Senza Frontiere denunciano una “catastrofe umanitaria”

Estero

BRASILE – È questo l’allarme internazionale lanciato dai Medici Senza Frontiere. In 21 delle 27 capitali del Brasile i reparti di terapia intensiva sono giunti al collasso, inoltre si registra un tasso di mortalità infantile che non ha eguali al mondo. A tutto ciò si aggiunge la mancanza di sedativi per i malati gravi di Covid che vengono intubati senza anestesia con le mani legate.

I Medici Senza Frontiere parlano di “catastrofe umanitaria” in un Paese che vede colpiti dal Covid anche i più piccoli, bambini al di sotto dei nove anni e neonati, con il personale medico e sanitario giunto allo stremo delle forze.

L’appello rivolto alle autorità dai Medici Senza Frontiere è quello di “predisporre al più presto un sistema centrale di risposta al fine di prevenire molti decessi che si possono evitare. Il Brasile è un paese senza protezioni”.

redazione@corrierenazionale.net


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE