Oggi il terzo ed ultimo giro di consultazioni. Senza accordo governo tregua

Prendera’ il via questa mattina alle 10 il terzo ed ultimo giro di consultazioni da parte del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Tensioni nel centrodestra, mentre il M5S punta ad un accordo con la Lega, ma senza Forza Italia, o, in alternativa, il ritorno al voto. Senza un accordo di maggioranza, pero’, il Colle sarebbe intenzionato ad un governo tregua.

Il presidente della Repubblica rivedra’ per le terza volta al Quirinale i rappresentanti dei gruppi parlamentari. Si comincia al mattino con il Movimento Cinque Stelle e si finisce, nel tardo pomeriggio, con i presidenti delle Camere. Il centrodestra, cui e’ riservato il secondo appuntamento della mattinata si presentera’ unito da Mattarella. A meno di un incarico ad una forza politica che dimostri di poter contare su una maggioranza parlamentare le ipotesi in campo sono molteplici. Senza accordo tra M5S e Lega si potrebbe andare verso un Governo del presidente o di ‘tregua’ o verso un Esecutivo di scopo. Tra le opzioni in campo anche un governo di minoranza o un governo ‘di responsabilita’ nazionale’.

Intanto l’Aula della Camera e’ convocata oggi per la prima attivita’ legislativa di questa legislatura: l’esame del decreto legge che proroga il mandato dei componenti dell’Autorita’ per l’Energia. Nella commissione speciale, al cui esame ci sono gia’ diversi atti del governo, la prossima settimana partono invece le audizioni sul Documento di economia e finanza.

Print Friendly, PDF & Email