CronacaSenza categoria

Taglio parlamentari, arriva il primo sì

Con voti 185 favorevoli, 54 contrari e 4 astenuti, il Senato ha approvato il disegno di legge che riduce il numero dei parlamentari, prevedendo di passare da 315 a 200 senatori e da 630 a 400 deputati. Si tratta della prima delle quattro letture previste per i disegni di legge di riforma costituzionale.

“Oggi è una giornata storica, posiamo la prima pietra per un Parlamento più efficiente, meno costoso. 345 parlamentari in meno, in questi decenni tutte le forze politiche di destra e di sinistra ce lo avevano promesso e non lo avevano mai fatto. Noi manteniamo anche questa promessa” ha commentato il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro. “Significa – ha aggiunto – non solo un Parlamento più spedito, più efficiente, meno burocratico, ma anche un Parlamento meno costoso: mezzo miliardo di risparmi a legislatura, 300mila euro al giorno”.

Entusiasta il vicepremier Luigi Di Maio che su Facebook ha scritto: “Evviva! Approvato il Tagliapoltrone in Senato! Presto ci saranno 345 parlamentari in meno e un risparmio di mezzo miliardo di euro a legislatura. Dicevano: Impossibile! E invece se lo diciamo lo facciamo! Collegatevi che festeggiamo insieme!”. Poi, in una diretta, ha aggiunto: “Oggi ho visto i senatori tagliare sé stessi, sono venuto qui in Senato a godermi la scena”. “Il Pd dice che ci vuole una riforma organica, come quella che gli hanno già bocciato due anni fa”, l’affondo. Di Maio si è soffermato dunque sull’iter che attende la riforma sul taglio dei parlamentari, “possiamo dire che tra agosto-settembre, massimo fine settembre, riusciamo ad approvarla”, ha detto. “Se poi le opposizioni vogliono fare un referendum per tagliare i parlamentari, sarà un piacere farlo” ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE