fbpx

Una bella signora che andrebbe messa agli arresti

Cronaca

di Elisa Merlo

In fondo il Papa non ha figli, non è un padre e, essendo maschio, ancor meno è madre, posso capire quindi perché davanti ad un discorso aberrante di una madre, resti indifferente.  Capisco credenti maschi che non sono padri, non sono madri ovviamente, e non si stupiscono davanti al discorso aberrante di una madre. Non capisco le madri, le donne che hanno bambini.  Forse anche loro farebbero un discorso del genere ai loro bambini?

Lo chiedo in particolare alle donne che hanno bambini e che frequentano il blog “Come Gesù” del prete e scrittore Mauro Leonardi. Voi mamme che dareste la vita per i vostri figli,  fareste loro un discorso del genere? Ricordate il vangelo di Marco? “Gli presentavano dei bambini perché li accarezzasse, ma i discepoli li sgridavano. Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perché a chi è come loro appartiene il regno di Dio. In verità vi dico: Chi non accoglie il regno di Dio come un bambino, non entrerà in esso». E prendendoli fra le braccia e ponendo le mani sopra di loro li benediceva” (Mc 10, 13 –16). Questo faceva Gesù con i bambini.

Nella Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza: “Diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo del bambino (art. 6): gli Stati devono impegnare il massimo delle risorse disponibili per tutelare la vita e il sano sviluppo dei bambini, anche tramite la cooperazione tra Stati”. Il discorso aberrante che contrasta e col vangelo e con la ragione, della bella Signora di Fatima a tre innocenti: “Volete offrirvi a Dio pronti a sopportare tutte le sofferenze che Egli vorrà mandarvi, in riparazione dei peccati con cui Egli è offeso, e per ottenere la conversione dei peccatori?”. E ancora: “Il Signore è contento dei vostri sacrifici, ma non vuole che dormiate con la corda…Portatela solo durante il giorno”. La bella Signora andrebbe messa agli arresti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE