Attualità

Nel 2017 è ancora boom dei single in Italia

Quello degli scoppiati è un gruppo che in Italia conta oggi 9 milioni di persone, facendo registrare un aumento record del 46% negli ultimi 10 anni. La maggior parte di loro decide sempre più spesso di trascorrere le proprie vacanze con degli sconosciuti. A metterlo in evidenza è SpeedVacanze.it, l’agenzia di viaggi che ha rivoluzionato il mondo degli incontri.

Il viaggio ideale? Quello di gruppo. Un fenomeno che coinvolge un numero sempre crescente di single -e non solo- grazie all’«abbinamento emotivo» ideato da SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single.

Nel 2017 dunque è ancora boom dei viaggi per single, un gruppo -quello degli scoppiati- che in Italia conta oggi 9 milioni di persone, facendo registrare un aumento record del 46% negli ultimi 10 anni. La maggior parte di loro, piuttosto che partire in solitaria o con gli amici, decide sempre più spesso di trascorrere le proprie vacanze con degli sconosciuti, purché alla base vi sia un’affinità emotiva.

«Selezioniamo i partner di viaggio abbinando le diverse tipologie analogiche di appartenenza» spiega Roberto Sberna, direttore generale di SpeedVacanze.it.

«E per consolidare poi queste “affinità elettive”, l’ideale è proprio un viaggio»aggiunge Giuseppe Gambardella, fondatore di SpeedVacanze.it e di SpeedDate.it, portale quest’ultimo che offre ai single il modo più veloce e divertente per incontrare gente nuova.

In questo modo chi è single può fare conoscenza con nuovi potenziali partner e nel contempo realizzare il viaggio dei suoi sogni.

«Ma se l’80% degli iscritti ai nostri viaggi è single, nel 20% dei casi si tratta di persone che un partner già ce l’hanno e che più semplicemente vogliono partire da soli, fare nuove conoscenze, divertirsi» puntualizza il fondatore di SpeedVacanze.it.

Grazie all’«abbinamento emotivo», con SpeedVacanze.it l’esperienza di viaggio è “su misura”. «Coloro i quali partecipano ai nostri viaggi hanno spesso l’impressione di conoscersi già quando si incontrano per la prima volta il giorno della partenza»racconta Roberto Sberna.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE