fbpx

Delegato “infedele”. Il suo voto in assemblea rimane valido

Noi e il Condominio

 

Rubrica NOI e il CONDOMINIO

di Giuseppe Nuzzo (avvocato)

Il voto del rappresentante del condomino in assemblea, anche se contrario alle indicazioni di voto fornite dal condomino delegante, contribuisce a formare la “volontà del condominio”. La violazione delle indicazioni produce effetti esclusivamente all’interno del rapporto tra delegante e delegato, secondo le regole del mandato, e non determina di per sé la illegittimità della delibera assembleare.

Questi, in sintesi, il principio di diritto applicato dal Tribunale di Milano con la sentenza n. 2669 del 3 marzo 2017.

La controversia decisa dal tribunale lombardo prende le mosse dalla impugnativa della delibera assembleare promossa da un condomino che aveva partecipato all’assemblea a mezzo di delegato. Il condomino, tra gli altri motivi di impugnazione, si lamentava del fatto che il delegato non si era attenuto alle sue indicazioni, esprimendo voto favorevole al deliberato assemblea.  Chiedeva quindi l’annullamento della delibera. Il giudice milanese ha però rigettato il motivo di impugnazione, ritenendolo infondato.

Si applica la disciplina del mandato. In effetti, in tema di condominio i rapporti tra il rappresentante intervenuto in assemblea ed il condomino rappresentato debbono ritenersi disciplinati, in difetto di norme particolari, dalle regole generali sul mandato. Di conseguenza, l’operato del delegato nel corso dell’assemblea non è nullo e nemmeno annullabile, ma inefficace nei confronti del delegante fino alla ratifica di questi e che tale inefficacia temporanea non è tuttavia rilevabile d’ufficio, ma solo su eccezione del condomino-rappresentato.

Il voto infedele rileva solo nei rapporti interni tra rappresentante e rappresentato. Il voto espresso dal rappresentante, se pure posto in essere nell’esercizio del potere attribuito al condominio nel proprio interesse, è destinato a produrre effetti giuridici solo nella sfera del rappresentato – in quanto il voto favorevole del rappresentante preclude al condomino l’impugnazione ai sensi dell’articolo 1137, comma 2, del codice civile – ma anche e soprattutto nei rapporti tra i condomini, posto che contribuisce a formare la cosiddetta “volontà del condominio”.

Nel caso di specie, le lamentele del condomino non evidenziano alcun profilo di illegittimità della delibera e rimangono confinate all’interno del rapporto tra delegante e delegato, neppure rilevando, ai fini dell’eventuale decadenza dal potere di impugnativa previsto dall’articolo 1137 citato per chi abbia votato a favore della delibera impugnata, e con riferimento ai profili di annullabilità della stessa, siccome parte convenuta ha rinunziato ad ogni eccezione sul punto.

Giuseppe Nuzzo (condominioweb.com)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE