fbpx

Governo politico, c’e’ l’accordo. Ecco i ministri

Politica italiana

Cottarelli rimette il mandato. Conte al quirinale alle 21.00 

Dal vertice di oggi tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio è uscita una nuova ‘mappa’ dei ministeri che potrebbe avere il futuro Governo guidato da Giuseppe Conte. Ora l’ultima parola spetta al Capo dello Stato Sergio Mattarella che questa sera alle 21 vedrà il candidato premier giallo-verde. Si è sciolto durante la riunione il nodo sul ministero dell’Economia: al posto di Paolo Savona è stato candidato l’economista Giovanni Tria, che, a quanto si apprende, sarebbe in quota Lega. A quanto si apprende, la lista dei ministri M5s-Lega conferma due vicepresidenti del Consiglio, ovvero i due leader Di Maio e Salvini. Il primo sarà ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico. Mentre Matteo Salvini guiderà il ministro dell’Interno. Il dicastero per i Rapporti con il Parlamento e democrazia diretta va a Riccardo Fraccaro (M5s), alle Politiche comunitarie Paolo Savona, che dunque viene spostato rispetto alla prima ipotesi di Governo in cui era stato collocato al Mef.

Alla Pubblica amministrazione viene proposta Giulia Bongiorno (in quota Lega), mentre gli Affari regionali Erika Stefani (Lega). Un altro dicastero a 5 stelle è quello dedicato al Sud e che dovrebbe essere affidato a Barbara Lezzi (M5s). E ancora: il ministero alla Disabilità al deputato Lorenzo Fontana (Lega), gli Esteri a Moavero Milanesi, Giustizia al deputato Alfonso Bonafede (M5s), Difesa a Elisabetta Trenta (in quota M5s). Infine, alle Politiche agricole viene indicato il capogruppo leghista al Senato Gian Marco Centinaio; alle Infrastrutture Mauro Coltorti (in quota 5 stelle); Istruzione a Marco Bussetti (in quota Lega); Beni culturali a Alberto Bonisoli (quota M5s); Salute alla capogruppo a Montecitorio Giulia Grillo (M5s).

L’ultimo nodo sull’accordo fatto tra M5s e Lega sul Governo sarebbe stato sulla casella del ministero degli Esteri. Per la Farnesina il ‘duello’ e’ stato tra l’ex ministro Enzo Moavero e l’ambasciatore italiano in Russia, Pasquale Terracciano. Alla fine ha prevalso Moavero ma ci sarebbero stati dei dubbi soprattutto da parte M5s, riferisce un parlamentare della Lega. I ministri dovrebbero giurare domani.

“Il Presidente della Repubblica ha ricevuto il dottor Cottarelli, il quale, sciogliendo la riserva formulata, gli ha rimesso l’incarico conferitogli. Mattarella ha ringraziato Cottarelli per l’impegno posto nell’adempimento del suo mandato”. Lo ha annunciato il segretario generale della Presidenza della Repubblica, Ugo Zampetti, al termine del colloquio tra il Capo dello Stato e l’economista.

“Si è formata e negli ultimi giorni e si è concretizzata la prospettiva di un governo politico. Non risulta quindi più necessario formare un governo tecnico e ho rimesso al presidente il mandato che mi aveva conferito. E’ stato un motivo di grande onore lavorare al servizio del Paese”. Lo ha detto Carlo Cottarelli, dopo aver rimesso il mandato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “La formazione di un governo politico è di gran lunga la migliore soluzione per il Paese, perché evita l’incertezza che sarebbe scaturita da nuove elezioni”.  ”Esprimo quindi i miei auguri di cuore di buon lavoro -ha aggiunto- al governo che spero possa essere formato al più presto”.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso il proprio ringraziamento a Carlo Cottarelli “per la serieta’, il senso delle istituzioni e la costante attenzione all’interesse nazionale”.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha convocato per le ore 21 di stasera il professor Giuseppe Conte. Lo rende noto il Quirinale.

Il giuramento del Governo domani mattina alle 11, la fiducia alle Camere lunedi’ e martedi’: e’ questo, a quanto si apprende da fonti parlamentari, il timing dell’esecutivo giallo-verde che sta prendendo forma in queste ore. A dare per prima la fiducia dovrebbe essere il Senato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE