fbpx

E’ tardi occorre far presto per l’ormai certa serie D

Sport & Motori

Che non fosse facile era noto, ma il modo con cui il Bari di De Laurentiis avrebbe dovuto essere confermato in serie D non era preventivabile. Dunque, le speranze di vedere il Bari in C sono praticamente azzerate considerando che ieri sera è stato varato il calendario di serie B a 19 squadre senza ripescaggi dalla C, calendario che sicuramente avrà uno strascico giudiziario a conferma della grave malattia in cui versa il nostro calcio. E già, perché una B a 19 squadre implica una C a 59 squadre, con Catania Siena e Novara rimaste in C e con un’unica casella ancora da riempire per arrivare a 60. Una casella che, sicuramente, non sarà riempita dal Bari a causa della concorrenza spietata tra le retrocesse e tra chi ha i requisiti e i parametri per il ripescaggio dalla C, nonostante lo sforzo del Sindaco Decaro. Almeno queste dovrebbero essere le intenzioni. Una cosa è certa: il calendario di B varato ieri sera è soggetto a rovesciamenti di fronte a causa dei ricorsi avviati da molte squadre.

Nel frattempo senza sussulti prosegue l’allestimento sottotraccia dei quadri tecnici e della rosa del nuovo Bari che ripartirà verosimilmente dalla D: come anticipato ieri, un team di tre elementi napoletani “prestati” al Bari sta lavorando alacremente alla causa e non solo. Si sta cercando, infatti, uno sponsor tecnico per la ricerca di materiale necessario per l’avvio del torneo, quale le divise, le tute, le magliette i calzoncini e i calzettoni, i palloni e le attrezzature varie. E sempre entro il 20 agosto dovrebbe essere configurato il nuovo organigramma societario che vedrà Matteo Scala e Filippo Galli i perni del progetto “Bari”, rispettivamente Direttore Generale e Responsabile del settore giovanile. Ad essi si aggiungerà un terzo dirigente, verosimilmente il Direttore Sportivo, che si stabilirà in sede. E sempre sottotraccia prosegue la ricerca dell’allenatore il cui nome, ormai, è ristretto tra Menichini e Mario Petrone, un nome nuovo che vanta una grande esperienza nelle serie inferiori.

La società costituita sta, inoltre, richiedendo una proroga sia per il mercato A e B che scade il 17 agosto, e per quello della serie C che scade il 25. Si dà per scontato l’arrivo di alcuni ragazzi “primavera” del Napoli come i già citati D’Iganzio, Franchini, Mezzoni, Senese, Vinicius, Palumbo, Vano e Nzola. A costoro vanno ad aggiungersi le suggestive idee di Gillet e di Nicola Bellomo, per entrambi si tratterebbe di un clamoroso ritorno a Bari. Qualche chance di ricominciare da Bari ce l’ha anche Ciccio Brienza.

Massimo Longo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE