Immigrati

Flotta ong dichiara guerra all’Italia: stanno arrivando

La nuova grande nave dei trafficanti umanitari Medici Senza Frontiere e SOS Méditerranée si avvicina all’Italia e alle coste della Libia. Ha superato lo stretto di Gibilterra ed è entrata nel Mediterraneo:

Prepariamoci alla guerra dichiarata dalle #ONG al nostro Paese.
Il tragico naufragio del 25 luglio è stato il “casus belli”.
Stanno tornando al gran completo, e creeranno caos e morte davanti alla #Libia.
I #trafficanti stanno già scaldando i motori dei gommoni.

Visualizza l'immagine su Twitter
Visualizza l'immagine su Twitter
Visualizza l'immagine su Twitter
Visualizza l'immagine su Twitter

E già minaccia. Come già annunciato dal loro presidente Macron, non porteranno alcun clandestino nei porti libici e punteranno dritto verso le nostre coste con una nave che è il doppio della Sea Watch. L’Ocean-Viking, il cargo battente bandiera norvegese di 69 metri di lunghezza e 15,5 di larghezza, si trova attualmente a largo delle coste portoghesi:

Hassiba Hadj-Sahraoui, islamica di Medici senza frontiere, ha spiegato a Le Figaro che all’organizzazione internazionale non governative erano stati congelati i conti bancari delle missioni italiane e di ricerca e salvataggio, a fronte di un’inchiesta in Italia sulla gestione dei rifiuti a bordo della nave dei veleni Aquarius. Ma ha già ricevuto 100mila dollari dal Comune di Parigi.

Intanto, la direttrice delle operazioni di Sos Méditerranée ha dichiarato: “Non forzeremo le acque territoriali italiane, ma rifiuteremo di sbarcare le persone in Libia, nel rispetto del diritto marittimo internazionale”. Andate in Francia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE