Sport

Barcolana 50+1 – disegnato in prefettura il sistema di sicurezza.

Il Prefetto: “una edizione plus anche per la sicurezza. Grande festa del mare, per il mare, con qualcosa in piu’” 

TRIESTE – Definito ieri, nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica svoltosi nella mattinata, il dispositivo di sicurezza che accompagnerà il foltissimo programma di tutti gli eventi della 51ma edizione della Barcolana, la famosissima regata organizzata dalla Società Velica di Barcola e Grignano, che quest’anno è dedicata alla tutela dell’ambiente marino.

Il nutrito calendario che caratterizza questa edizione ha avuto come naturale riflesso la predisposizione di misure che investono diversi ambiti di security e di safety.

La nuova architettura del villaggio Barcolana, che aprirà progressivamente da sabato 5 ottobre, si caratterizza per una diversa dislocazione sul fronte mare e lo vede “debordare” in piazza Unità d’Italia di cui, quindi, per la prima volta, diventerà il cuore.

Il dispositivo di vigilanza e prevenzione varato ieri, seguirà le varie fasi, fin dall’apertura.

Innanzitutto, sarà vietata la circolazione veicolare sulle Rive in corrispondenza del Villaggio Barcolana dalle ore 14.00 di venerdì 11 e fino a tutta domenica 13 ottobre con deviazione dei flussi secondo collaudate metodologie che saranno tempestivamente comunicate alla cittadinanza dal Comune di Trieste.

Domenica 6, alle ore 12.00, avrà luogo la “Barcolana nuota”, manifestazione di grande successo per la quale quest’anno è stato posto il tetto massimo di 400 iscritti, e ciò a tutela dei nuotatori. Per tale manifestazione è stato previsto un dispositivo di safety contraddistinto dalla presenza di personale dedicato all’attività di “rescue swimmer” coordinato dalla Capitaneria di Porto, a tutela dell’incolumità dei nuotatori.

Giovedì 10 sarà poi la giornata dell’arrivo del “Vespucci” al molo Bersaglieri ed anche a tal proposito sarà predisposto un’apposita regolazione degli accessi, vista la presumibile richiesta di visite a bordo considerando che lo scorso anno sono state oltre 21.000.

Il Villaggio sarà poi caratterizzato dalla presenza di varchi presidiati dalle Forze di polizia. Presso gli stessi e lungo tutto il Villaggio opereranno stewards coordinati da una specifica figura professionale che avrà il compito di essere l’interfaccia con le Forze di polizia per un più immediato ed efficace scambio informativo.

Per i profili di security in mare, la prossima edizione della Barcolana vedrà un’importante presenza della componente navale della Guardia di Finanza con otto unità navali di differenti classi tra le quali un’unità di 38 metri con 20 uomini di equipaggio e un gommone con sommozzatori addestrati per ogni scenario di emergenza.

I dispositivi di safety dedicati alla regata, coordinati dalla Capitaneria di Porto e concordati con le altre Forze di polizia e con i Vigili del Fuoco, saranno strutturati secondo il modello che già negli scorsi anni si è connotato per gli elevati standards di efficienza con l’ulteriore implementazione  costituita dalla presenza di un pattugliatore e di un elicottero del Corpo delle Capitanerie di Porto. Ulteriore novità operativa è costituita da una flottiglia di battelli di prossimità, con personale specializzato in attività di rescue swimmer. Saranno inoltre presenti gommoni con a bordo volontari professionalmente preparati per lo svolgimento delle operazioni a mare preliminari alla regata e per il recupero di natanti in difficoltà. Altri natanti con personale sanitario volontario saranno operativi nel più ampio dispositivo di emergenza sanitaria per la sorveglianza e il monitoraggio durante la gara.

Il Compartimento di Polizia Ferroviaria, in relazione al previsto maggiore afflusso di passeggeri alla stazione ferroviaria di Trieste, intensificherà i servizi di sicurezza pubblica non solo presso la stazione di Trieste ma sui convogli e presso le altre stazioni delle direttrici ferroviarie maggiormente interessate. Saranno infatti istituiti 46 treni straordinari – di cui 22 domenica 13 ottobre (13 treni in più rispetto all’edizione 2018).

Anche per i Vigili del Fuoco, che confermano il consolidato e apprezzato percorso di collaborazione con i consueti servizi a terra presso il Villaggio e in mare, con i Nuclei di Soccorso Subacqueo ed Acquatico, questa edizione vedrà un nuovo fronte operativo. Infatti come valore aggiunto per garantire la sicurezza degli spettatori che come ogni anno affolleranno il ciglione carsico per guardare le navi in regata, presso i siti di maggior concentrazione saranno presenti squadre specializzate SAF in caso di eventuali incidenti o cadute.

Molto articolato sarà anche l’impegno delle strutture dell’emergenza sanitaria.

È stata predisposta una apposita area per l’atterraggio dell’elisoccorso nelle immediate vicinanze del campo di regata e del villaggio, presso il Molo IV. Nello stesso sito sarà allestita, per la prima volta, una centrale mobile del NUE 112 che, in stretto raccordo con la centrale operativa di Palmanova, potrà garantire una mirata gestione di eventuali chiamate di emergenza nelle giornate di maggior afflusso di visitatori nonché in occasione della regata.

Il dispositivo generale si avvarrà poi dell’apporto dei volontari della Protezione Civile e delle associazioni Polizia di Stato e Carabinieri in quiescenza.

La gestione degli arrivi delle navi da crociera è stata configurata in modo da non recare interferenze con le attività in mare e con il Villaggio. Domenica 13 sarà infatti impegnato solo il molo VII.

Venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 ottobre sarà attivato, a cura di Trieste Trasporti, un servizio di Park&Bus che consentirà di lasciare l’automobile in periferia e di raggiungere in autobus il centro città. Nelle stesse giornate, le linee 2/, 4, 36, 20 e 42 saranno intensificate con più di 350 corse supplementari, e tra Barcola e piazza Tommaseo sarà operativa una navetta con due autobus elettrici.

Sei sono i parcheggi di interscambio dove sarà attivo il servizio di Park&Bus:

Barcola (piazzale 11 Settembre 2001);

park Bovedo (viale Miramare, SS14);

quadrivio di Opicina (SP 35, direzione Padriciano);

parcheggio Sant’Andrea (via Carli);

Chiarbola (piazzale delle Puglie);

centro commerciale Montedoro (via Flavia di Stramare 119, Muggia).

Anche l’area di sosta di Trieste Airport sarà usufruibile a prezzo agevolato (venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 ottobre il parcheggio P8 di Trieste Airport, adiacente alla fermata ferroviaria, avrà una tariffa giornaliera promozionale – dalle ore 0.00 alle 24 – di 3 euro) con possibilità di raggiungere Trieste o con il treno o con dei bus messi a disposizione da APT.

“E’ un sistema articolato che inquadra e consente di gestire diversi profili di sicurezza e che, nell’ottica del continuo miglioramento,” – rileva il Prefetto Valenti – “avvalendosi dell’ottima collaborazione di tutte le componenti dello stesso, consente di assicurare quel di più rispetto alle scorse edizioni, per un evento in onore del mare e per la sua tutela che vede una grandissima partecipazione di appassionati spettatori e che porterà anche questa volta Trieste a segnare una delle sue più belle pagine. Insomma – conclude il Prefetto – sarà una edizione “plus 1” anche per la sicurezza perché, anche in questo settore, è sempre necessario adeguare gli standard ai nuovi livelli richiesti dal contesto interno e internazionale e desidero nuovamente, quindi, ringraziare Mitja Gialuz e l’organizzazione Barcolana per aver accolto le nostre richieste volte a rendere l’evento in linea con i parametri di sicurezza necessari”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE