fbpx

Sulla legge elettorale Zingaretti apre alla Lega

Senza categoria

 MA IL M5S FRENA

Salvini: pronto a sedermi a un tavolo con tutti per riscrivere le regole e andare a votare. Il segretario dem: c’e’ una crisi di sistema, va affrontata con gli strumenti della democrazia.

E’ in atto una “crisi di sistema che va rapidamente affrontata con gli strumenti della democrazia. Anche con una nuova legge elettorale. Noi abbiamo esposto ai tavoli di maggioranza ipotesi che dovrebbero evitare una legge puramente proporzionale, ma che aiutino la semplificazione e a formare coalizioni di governo chiare e stabili, con un impianto maggioritario. Per questo, mentre il Pd continua ad essere impegnato con tutta la sua forza nell’azione di governo per l’approvazione della Legge di bilancio e a risolvere le principali questioni che affliggono il Paese, a partire dalla crisi dell’Ilva e Alitalia, non va fatta cadere la proposta di Giorgetti di un tavolo di confronto su questi temi, da attivare nei tempi piu’ rapidi”. Lo afferma il segretario del Pd, Nicola Zingaretti.

L’apertura di Zingaretti, tuttavia, viene accolta con non pochi dubbi dal M5S, già alle prese sulle fibrillazioni interne dopo il voto su Rousseau e con la corsa in Emilia e Calabria che potrebbe essere deludente. “Sulla legge elettorale e’ necessario fare un po’ di chiarezza”, afferma la capogruppo pentastellata in Affari costituzionali, Anna Macina. “Il sistema proporzionale selettivo che abbiamo proposto garantisce la rappresentativita’ dei territori, evita la frammentazione politica e assicura stabilita’. Sarebbe sbagliato invece lavorare su sistemi simili al Porcellum o all’Italicum, gia’ bocciati dalla Corte Costituzionale. Sono convinta che il clima costruttivo registrato ai tavoli di maggioranza ci permettera’ di continuare a lavorare nella giusta direzione”, conclude.

La proposta invece viene accolta bene dai renziani. Matteo Renzi, quando Giorgetti lancio’ per la prima volta l’idea due settimane fa, si dichiarò subito favorevole.

Zingaretti, dal canto suo, afferma che non si puo’ negare che sia in atto una “crisi di sistema” e che “il processo politico italiano va verso una netta bipolarizzazione. E sul momento che stanno attraversando i 5 stelle afferma che si tratta di un “travaglio, che rispettiamo”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE