fbpx

Al vertice Nato Trump viene accerchiato dagli alleati. E salta la conferenza

Senza categoria

Al vertice Nato di Londra Macron, Trudeau, Johnson e Rutte mettono al centro il presidente americano Trump che, da parte sua, attacca il premier canadese. In un video, diffuso dalla tv pubblica canadese Cbc, i quattro leader deridevano le sue infinite conferenze stampa. Il capo della Casa Bianca ha quindi definito il premier canadese, Justin Trudeau – ben visibile nel filmato incriminato – “uomo dalle due facce” etichettandolo come ipocrita.

Bilaterale fra l’inquilino della Casa Bianca e il premier Conte. Il tycoon lo definisce ‘un uomo popolare’, che ‘sta facendo un lavoro fantastico’. Ma rilanciando l’allarme su Huawei e 5G, dice di aver parlato all’Italia e afferma che sembra che questa non andra’ avanti. ‘La sicurezza dell’Italia e’ garantita e la nostra legislazione in materia e’ tra le piu’ avanzate’, e’ la replica del presidente del Consiglio. 

 “Ha fatto un lavoro eccezionale, è diventato molto popolare in Italia. Un uomo molto popolare e non ne sono sorpreso”. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha parlato così davanti ai giornalisti del premier Giuseppe Conte prima del loro bilaterale a conclusione del vertice della Nato di Londra. “E’ un mio amico, un mio buon amico – secondo quanto si legge nella trascrizione delle dichiarazioni diffuse dalla Casa Bianca. E abbiamo molte cose di cui discutere, tra cui il commercio, questioni militari e tutte le diverse cose su cui stiamo lavorando insieme”. “E’ un onore essere con te”, ha aggiunto trump rivolto a Conte, che lo ha ringraziato, sottolineando che si erano già visti ieri, in occasione del ricevimento a Buckingham Palace, dal quale il premier era andato via a bordo dell’auto del presidente americano insieme alla moglie Melania ed al presidente francese Emmanuel Macron. Conte ha quindi detto che nel corso del bilaterale avrebbero parlato di “commercio, difesa e altri temi, sarà un piacere”. 

Il presidente americano, Donald Trump, si e’ offeso per un video, diffuso dalla tv pubblica canadese Cbc, in cui altri leader deridevano le sue infinite conferenze stampa. Il capo della Casa Bianca ha quindi definito il premier canadese, Justin Trudeau – ben visibile nel filmato incriminato – “uomo dalle due facce” etichettandolo come ipocrita. E, per ripicca, ha annullato la sua attesa conferenza stampa perche’ “in questi due giorni ne sono gia’ state fatte tante”. Nei fatti, il capo della Casa Bianca riesce a strappare l’impegno di aumentare la spesa per la difesa e continua a martellare per convincere tutti gli stati del Trattato a impegnare il 2% del Pil per la difesa comune. “Sono stati fatti grandi progressi dalla Nato negli ultimi tre anni, altri Paesi oltre gli Stati Uniti hanno acconsentito a pagare 130 miliardi di dollari in piu’ all’anno, e per il 2024 saranno 400 miliardi. La Nato sara’ piu’ ricca e forte che mai”, ha twittato Trump. 

 Si sono parlati, ma il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che dice alle telecamere di mezzo mondo di aver parlato di 5G e del dossier Huawei con il premier italiano, e Giuseppe Conte, su questo tema evidentemente non si sono capiti. Trump aveva parlato dello sbarco della tecnologia 5G nel nostro Paese e del ruolo della compagnia cinese Huawei, dicendo che “è un pericolo per la sicurezza, ho parlato all’Italia e sembra che non andranno avanti”. Ma Conte risponde senza esitazioni: “Ho avuto modo di soffermarmi con il presidente Usa, ma il tema è rimesso alle prescrizioni normative del nostro ordinamento giuridico”. Il presidente del Consiglio sembra più interessato a chiarire la questione dei dazi americani se l’Europa, e dunque l’Italia, dovessero adottare una web tax. “L’America è il nostro storico e principale partner, ma sui singoli provvedimenti siamo uno Stato sovrano”. Conte, però, è convinto che “non ci arriveremo” a quel punto. Su quel tema non si augura di certo scene surreali o nuovi misunderstanding.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE