fbpx

Aita Mari a Messina con 158 migranti Migranti

Immigrati

 La Aita Mari approda a Messina: sbarcano centocinquantotto persone che si trovavano sull’imbarcazione. A poche ore dalla decisione del Senato di mandare a processo Matteo Salvini per il caso della nave Gregoretti, il tema migranti torna alla ribalta con l’arrivo della Aita Mari a Messina. L’imbarcazione con a bordo quasi centosessanta persone è approdata per le operazioni di sbarco dopo aver ottenuto il via libera da parte delle autorità italiane.

fonte foto https://twitter.com/SOSMedItalia

Migranti, Aita Mari a Messina: sbarcano 158 persone La Aita Mari aveva soccorso 93 persone nella giornata di domenica, poi ha intercettato un secondo barcone con altri 65 migranti, tutti accolti sulla nave. L’Italia ha concesso il via libera per l’assegnazione del porto sicuro (quello di Messina) e per lo sbarco degli uomini, delle donne e dei bambini. In seguito ai controlli da parte delle autorità e dei sanitari, i 158 migranti dovrebbero essere trasferiti al centro di prima accoglienza Gasparro Bisconte. Di seguito il video che mostra le operazioni di sbarco Il governo ‘nel mirino’ di Matteo Salvini per la gestione dei migranti Non c’è dubbio che anche per il governo si sentono gli effetti, non propriamente positivi, del caso Gregoretti. In occasione del suo intervento nell’Aula di Palazzo Madama, il leader della Lega Matteo Salvini ha chiamato in causa anche l’operato del Conte Bis e della ministra Lamorgese.

Anche nelle ultime settimane infatti, come accaduta per il caso della Gregoretti, diverse imbarcazioni con migranti a bordo hanno dovuto attendere un accordo europeo prima di procedere con le operazioni di sbarco. L’attività del governo è costantemente monitorata da Matteo Salvini, pronto a chiamare in causa anche i suoi ex colleghi ministri se lo svolgimento dell’eventuale processo dovesse richiederlo.

Il premier Giuseppe Conte e i suoi sono consapevoli di non poter permettersi errori sul tema. 

Nicolò Olia


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE