fbpx

l racconto di Silvia: “Nessuna violenza. Ora mi chiamo Aisha”

Cronaca

 Il racconto di Silvia Romano agli 007: “Ho pianto per un mese. Mi hanno detto che non mi avrebbero uccisa”.

ROMA – Un interrogatorio di quattro ore nelle quali è avvenuto il racconto nei dettagli di Silvia Romano agli 007 della sua prigionia. “Il primo mese – ha detto la giovane cooperante citata dal Corriere della Sera – è stato terribile. Ero disperata, piangevo sempre“. Poi con il passare dei giorni si è tranquillizzata: “Mi hanno detto che non mi avrebbero fatto del male, ho chiesto di avere un quaderno, sapevo che mi avrebbe aiutata“.

E alla psicologa dell’ambasciata a Mogadiscio ha rivelato: “Ora mi chiamo Aisha“. Il percorso della conversione Nell’interrogatorio Silvia è ritornata anche sul percorso della conversione all’Islam che è stato volontario: “Parlavano in una lingua che non conoscono, credo in dialetto. Uno di loro, solo uno parlava un po’ di inglese. Gli ho chiesto di avere anche il Corano“. Una richiesta che molto probabilmente ha dato vita al suo avvicinamento alla religione islamica: “Sono sempre stata chiusa nelle stanze. Leggevo e scrivevo. Ero certamente nei villaggi, più volte al giorno sentivo il muezzin che richiamava i fedeli per la preghiera“.

La prigionia “Stavo sempre in una stanza da sola – ha raccontato Silvia – dormivo per terra su alcuni teli. Non mi hanno mai violentata o picchiata. Non sono stata costretta a fare nulla quando entravano avevano sempre il volto coperto“. E sui covi ha ammesso: “Venivo spostata ogni tre, quattro mesi. A quel punto non avevo più paura. Il viaggio per arrivare in Somalia è durato almeno un mese. Abbiamo fatto molti tratti a piedi, attraversato un fiume. Con me c’erano degli uomini, nessuna donna. Camminavamo anche per otto nove ore di seguito“.

Fonte foto: https://twitter.com/GiuseppeConteIT La liberazione Sui video la giovane ha precisato: “Mi hanno fatta girare sei filmati”. E l’ultimo il 17 gennaio, forse il decisivo per la liberazione. La comunicazione alla ragazza gli uomini di al-Shaabab l’hanno data una settimana prima dello scambio avvenuto nella notte tra l’8 e il 9 maggio 2020. “Ti liberiamo“, queste le parole dei carcerieri nei primi giorni di maggio.  

Francesco Spagnolo 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE