fbpx

Italia sofferente

Politica

Mentre La Pandemia sembra aver rallentato la sua “corsa”, è la politica che ritorna alla ribalta più insufficiente che mai. Il Paese ha bisogno di certezze socio/economiche che sembrano irraggiungibili. Il dibattito tra i partiti è tornato contraddittorio e nessuno sembra volersi assumere l’onere politico di fronte a tante emergenze. Solo con una volontà univoca si potrà tentare di superare, pur se col tempo, le emergenze nazionali.

Con la premessa che parecchie erano già presenti prima del Coronavirus. Insomma, l’italia è sofferente e sotto ogni aspetto. Ora ci sarebbero da ritrovare delle mete comuni nello spirito fondamentale della Democrazia. Il prestigio nazionale, oggi tanto in “ombra”, dovrebbe ritrovare la sua anima. Senza i “condizionamenti” di una politica che sembra fare gli interessi solo per chi è in grado di gestirla. La Penisola ha bisogno di una rivincita morale che tenga conto delle necessità presenti e future del suo Popolo. Non basterà, quindi, fare la propria parte. L’importante sarà farla meglio e nell’interesse di tutti.

 La giustizia politica, oggi molto sfumata, dovrebbe ritrovare una sua reale ragion d’essere propria nelle istituzioni. Se è vero che la Politica è una necessità, è anche plausibili servirsene nel modo corretto. Gli scandali e le critiche tra i partiti non fanno che complicare una situazione già abbastanza compromessa. Il Paese ha bisogno di effettivi miglioramenti che, invece, sembrano lontani. Uscire dalla palude delle incomprensioni è fondamentale per ridare linfa alla vita economica e sociale del Bel Paese.

Le riforme, da troppo tempo rinviate, dovranno essere dibattute e varate non oltre la prossima primavera. L’emergenza sanitaria non potrà condizionare, ancora, le necessità di sopravvivenza sociale di una Nazione. Se ciascuno sarà nelle condizioni di fare bene a sua parte, allora l’Italia avrà le carte in regola per cambiare. La società nazionale è un corpo unico che solo unito potrà ritrovare la dignità che merita. L’Italia sofferente può essere messa nelle condizioni di ritrovare il suo ruolo interno e internazionale. Un onere che solo una politica assennata potrebbe garantire.

Giorgio Brignola


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE