fbpx

Brutto Lecce, la Fiorentina vince facile al Via del Mare

Serataccia per i giallorossi. Per la salvezza decisiva la prossima gara contro il Genoa

Sport & Motori

LECCE – Ci risiamo. Dopo le buone prestazioni e i 4 punti conquistati contro Lazio e Cagliari, il Lecce perde male a casa contro la Fiorentina. Al Via del Mare finisce 1 a 3 per i viola. Una partita interamente dominata dagli ospiti, che conquistano tre punti fondamentali per chiudere in sicurezza il campionato.

I ragazzi di Liverani sono apparsi poco lucidi, stanchi, inconsistenti in attacco ed incapaci di cambiare il corso della gara sfruttando i pochi episodi favorevoli, soprattutto nel primo tempo. Vedi il rigore parato da Gabriel e l’occasione fallita quasi a porta vuota da Farias per riaprire la gara prima dell’intervallo.

Preoccupante passo indietro per i giallorossi. Certamente la fatica di giocare ogni tre giorni si fa sentire. Così come pesano le numerose assenze, tra cui quelle di Lapadula, Falco, Calderoni, Deiola e Meccariello, tutti potenziali titolari. Ma l’atteggiamento della squadra non è stato quello che ci si attende da chi deve conquistare i punti necessari per rimanere in Serie A.

Non resta che sperare in una vittoria del Torino contro il Genoa prima dello scontro diretto di domenica prossima. In caso di vittoria, infatti, i rossoblù si porterebbero a più quattro punti dal Lecce, terzultimo in classifica.

Liverani schiera il consueto 4-3-1-2 proponendo a centrocampo Majer titolare e in attacco il duo Farias-Babacar. Saponara parte dalla panchina. Iachini risponde con il 3-4-3: in difesa Lirola prende il posto di Dalbert, infortunatosi nel pre-partita. Cutrone punta centrale supportato da Chiesa e Ribery.

Pronti, via. E dopo 5 minuti la Fiorentina è già avanti. Rispoli inaugura la sua serata no, sbagliando un facile retro passaggio. Cutrone ne approfitta per volare palla al piede indisturbato verso la porta di Gabriel, assist per l’accorrente Chiesa che in corsa conclude in rete.

Al 10’ Ribery, dopo uno scambio stretto, si invola verso la porta giallorossa. Gabriel in uscita lo stende in area. L’arbitro Guida assegna il calcio di rigore. Dagli undici metri, però, il portiere giallorosso neutralizza la conclusione dello specialista Pulgar. Il Lecce cerca timidamente di sfruttare il momento psicologico favorevole. La Fiorentina rallenta, ma i padroni di casa non riescono a costruire niente di veramente pericoloso in attacco. Alla fine del primo tempo il Lecce crolla. In due minuti gli ospiti chiudono la partita. Prima con Ghezzal al 38′ su calcio di punizione. E due minuti  dopo con Cutrone, che in contropiede fissa il punteggio sul 3 a 0.

Sul finire del primo tempo i salentini falliscono il gol dell’ 1 a 3. Buon pressing giallorosso, che costringe la difesa viola all’errore. Farias si ritrova con il pallone in area a porta praticamente vuota. Conclude di violenza, colpendo clamorosamente la traversa.

Davvero poco da racconta nella ripresa. La partita si trasforma quasi in un allenamento, con il Lecce incapace di reagire. A poco servono i cambi di Liverani. La Fiorentina controlla senza particolare fatica, dando anche l’impressione di poter fare ancora male.

Veramente una brutta serata per il Lecce che, allo scadere, trova il gol della bandiera con il subentrato Shakov. Non resta che sperare in un pronto riscatto dei salentini domenica contro il Genoa a Marassi. Un match che diventa fondamentale per rimanere attaccati al treno salvezza.

di Giuseppe Nuzzo

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE