fbpx

Turismo delle radici, Sicilia: tradizioni culinarie, a bordo dei treni storici del gusto

Sicilia

CATANIA – Il legame tra cibo e cultura non è da nessuna parte così saldo come in Sicilia. Ritrovare a tavola i sapori di un tempo, ripercorrere la tradizione culinaria del proprio passato, rappresenta un ottimo itinerario di viaggio per il turista delle radici. Tornano così i “Treni Storici del Gusto”, per conoscere la Sicilia verace attraversandola su rotaia: quella delle sagre, dei riti, delle usanze antichissime, espressioni della cultura dei suoi abitanti. Un’esperienza di viaggio decisamente originale, immersi nella natura e nei paesaggi dell’Isola, a bordo di locomotive, automotrici e carrozze storiche per conoscere i territori isolani e apprezzarne le eccellenze enogastronomiche. Lungo le linee panoramiche siciliane, lontano dagli itinerari turistici più caotici ed inflazionati, sarà possibile infatti conoscere alcuni dei prodotti tipici della Sicilia, tutelati da quasi 50 presidi Slow Food e ascoltare racconti e tradizioni a loro legati. Il calendario 2020 prevede ben 24 itinerari che connettono i centri urbani più importanti – Catania, Palermo, Messina – con i luoghi custodi di sapori unici, come Modica, Bronte e Marsala, o i centri storici millenari di Taormina, Siracusa, Agrigento e Ragusa.

Viaggiando sulle storiche carrozze Centoporte degli anni ’30, sarà possibile toccare le linee panoramiche siciliane: un viaggio lento e sostenibile che permette di assaporare con gli occhi e scoprire con il palato le bellezze dell’isola. Già a bordo del treno, infatti, si potranno gustare i prodotti tipici della Sicilia, parte fondamentale dell’identità dei territori attraversati, e ascoltare racconti e tradizioni a loro legati. Treni Storici del Gusto Sicilia 2020 è un progetto dell’Assessorato del Turismo dello Sport e dello Spettacolo – Regione Siciliana, che si avvale dei treni storici della Fondazione FS e dei “Laboratori del Gusto” curati da Slow Food Sicilia. Sul sito www.fondazionefs.it è possibile conoscere tutti i dettagli degli itinerari in treno storico e acquistare direttamente i biglietti.  

COME ARRIVARE: In Sicilia si giunge in aereo dagli aeroporti internazionali Falcone e Borsellino (Palermo), Fontanarossa (Catania), V. Florio (Trapani – Birgi). Da Palermo, Catania e Trapani partono voli aerei per le isole di Lampedusa e Pantelleria. I principali porti da cui salpano i traghetti per la Sicilia sono: Genova, Civitavecchia, Napoli, Salerno, Villa San Giovanni, Reggio Calabria, Cagliari. Invece i più importanti porti di arrivo dell’intera Sicilia sono le tre città principali della Regione, ovvero: Palermo, Catania, Messina. 

ALTRI LUOGHI DA VISITARE: In una valle incantata, a contatto con profumati mandorli fioriti, da non perdere una visita al più imponente complesso monumentale di tutta la Magna Grecia. La Valle dei Templi di Agrigento è sicuramente la più significativa testimonianza dell’antica cultura classica. Comprende i templi degli dei e delle dee, oltre alla meravigliosa necropoli e ai santuari. Un salto anche a Catania, per ammirare da vicino il più alto vulcano attivo d’Europa, posto sul lato orientale della Sicilia, tra i corsi dei fiumi Alcantara e Simeto e che si staglia maestoso con la sua mole. Le spettacolari eruzioni dell’Etna, le tumultuose colate di lava, suscitano da sempre la curiosità di visitatori provenienti da ogni parte del mondo.

Meta imperdibile anche per gli escursionisti in visita ai crateri, l’Etna offre in inverno la possibilità di praticare, a pochi chilometri dal mare, gli sport sulla neve. Le escursioni a piedi si effettuano lungo i sentieri del Parco, attraverso boschi e frutteti dipinti da un verde incontaminato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE