fbpx

Alle origini della nostra civiltà: il ponte di Campo Marzio sul torrente Argentina

Senza categoria

 

Alle origini della nostra civiltà: il ponte di Campo Marzio sul torrente Argentina

La fortezza di Campo Marzio rappresenta l’apparato difensivo più
antico ancora conservato sul territorio ligure.

Tramite il ponte si accedeva al baluardo bizantino di Campo Marzio,
costruito sopra le strutture ciclopiche delle fortificazioni delle
antiche tribù liguri. Campo Marzio sorse su un colle che emerge dal
torrente Argentina e, per la sua strategica posizione, permetteva un
completo controllo della Valle. La fortezza di Campo Marzio,
tutt’oggi, rappresenta l’apparato difensivo più antico ancora
conservato sul territorio ligure. Di seguito la relazione dello
storico Alessandro Giacobbe in merito a questo posto epico, dove
storia e leggenda si intrecciano. “Campomarzio è una collina che dista
pochi chilometri da Taggia, lungo la Valle Argentina. La posizione di
quest’altura è strategica e permette di controllare il passaggio
all’interno della valle. Per questo motivo la zona ha sempre avuto nei
secoli uno specifico uso militare.
L’archeologo Nino Lamboglia è stato l’unico finora ad occuparsi della
collina in modo scientifico e nell’immediato dopoguerra, fra 1950 e
1951, diede avvio ad una importante campagna di rilievo e di scavo.
Gli scavi constatarono che l’intera superficie di Campomarzio era
fortificata: le mura e le torri, seguendo l’andamento del rilievo,
rendevano quasi inespugnabile il posto. Durante la prima metà del VII
secolo i Bizantini, che tenevano la Liguria, avevano fortificato le
valli per prevenire la minaccia longobarda e la fortificazione di
Campomarzio rappresentava una di queste maestose fortificazioni. La
struttura dimostra con quale accuratezza l’esercito bizantino cercava
di porre a difesa la costa ligure, sebbene nel 643 d.C il re
longobardo Rotari sfondò le linee latine dell’impero di Bisanzio,
portando ad una germanizzazione della Liguria.
L’intera area è proprietà del comune di Taggia e si possono ancora
oggi notare i resti della chiesa di San Giorgio, un antico
acciottolato stradale e diversi ponti, fra cui quello tardomedioevale
detto “della Canaglia”, che attraversavano il fiume Argentina. Gli
scavi effettuati da Nino Lamboglia nel 1951 portarono alla luce resti
di abitazioni e ceramiche tardo-romane e queste scoperte dimostravano
una frequentazione antichissima di Campomarzio. Lamboglia scoprì,
inoltre, una serie di necropoli, tombe scavate nella roccia e
ricoperte con lastre di pietra. Si trattava di inumazioni piuttosto
spartane, prive di particolare corredo. La rude realtà militare
potrebbe essere all’origine di questa condizione rupestre. Purtroppo
appare ad oggi necessaria una nuova campagna di scavi, che completi
definitivamente l’opera di Lamboglia. Resta indubbia l’importanza del
sito, che potrebbe essere un punto di riferimento di notevole valore
in rapporto ad altri punti difensivi bizantini già noti, fra i quali
va ricordato il castello di Sant’Antonino di Perti, nell’entroterra di
Finale Ligure.
La collina di Campomarzio rappresenta uno spazio eccezionale tanto
sotto il profilo storico-monumentale quanto dal punto di vista
ambientale e si potrebbe pensare ad un suo uso didattico, utile alla
comprensione di molti aspetti storici e naturalistici della Liguria
occidentale. Un tempo il sito di Campomarzio godeva di notevole fama
presso gli stranieri ospiti delle vicine località climatiche. In modo
particolare, verso la fine dell’Ottocento, gli Inglesi residenti a San
Remo, intraprendevano escursioni sul posto, alla ricerca di emozioni
uniche e leggendarie memorie storiche del passato”.

Christian Flammia 

 
 
 
Area degli allegati
 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE