fbpx

Egitto. Patrick Zaki rimarrà in carcere altro 45 giorni. Amnesty: “decisione sconcertante, vergognosa”

Estero

Altri 45 giorni di custodia per Patrick Zaki. Lo ha stabilito una corta antiterrorismo del Cairo ieri, secondo quanto annuncia in un tweet l’ong Eipr di cui fa parte il ricercatore egiziano, studente all’Università di Bologna.

“Il terzo circuito (terrorismo) della Corte penale ha deciso di rinnovare la detenzione del nostro collega Patrick George Zaki, ricercatore presso l’Iniziativa egiziana, per un periodo di 45 giorni.”, riferisce la stessa “Iniziativa egiziana per i diritti personali” (Eipr). “Patrick era stato arrestato il 7 febbraio mentre tornava dall’Italia, dove studia per un master, per trascorrere vacanze in Egitto”, si limita ad aggiungere il messaggio su twitter.

“Dopo ore e ore di attesa, questa decisione sconcertante, vergognosa di rinnovare di altri 45 giorni la detenzione di Patrick Zaki lascia veramente senza fiato e sgomenti”, commenta  Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. “Patrick terminerà questo anno terribile nella prigione di Tora – aggiunge -. È veramente il momento che ci sia un’azione internazionale guidata e promossa dall’Italia per salvare questo ragazzo, questo studente, questa storia anche italiana, dall’orrore del carcere di Tora in Egitto”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE