fbpx

Gli effetti della guerra contro il Covid su chi la combatte in prima linea

Ambiente & Salute

Di Jaime Velazquez

 
euronews
 

Per una settimana in questo mese di marzo, la nostra redazione vi racconterà storie di sanità da tutta Europa, ma non solo, analizzando gli sviluppi rivoluzionari che stanno definendo il futuro del campo sanitario

Pablo Celik è un infermiere dell’ospedale La Paz di Madrid. Ha lavorato in prima linea contro il Covid-19. Non avrebbe mai immaginato l’impatto che avrebbe avuto sulla sua salute mentale. “Per molto tempo ho provato quest’angoscia interiore, questa mancanza di respiro, che non avevo mai provato prima”, ci racconta l’infermiere.

Un anno fa, quando gli ospedali erano al collasso, c’erano pochi dispositivi di protezione individuale e i medici dovevano dare la priorità alle cure ai pazienti con più possibilità di sopravvivere. “Non potevamo fare di più”, spiega Pablo. “Io come infermiere l’unica cosa che potevo fare era prendermi cura di queste persone nei loro ultimi giorni di vita. Dare loro l’amore di cui avevano bisogno”.

Gli applausi dai balconi portarono un po’ di conforto, ma niente avrebbe cancellato quella sensazione di impotenza, l’impossibilità di salvare altre vite. E anche la paura di ammalarsi o di contagiare le proprie famiglie… e cercare di proteggere i propri cari dal dramma che vivevano ogni giorno.

“Sanno che puoi contagiarti”, dice Maria José Garcia, segretario generale del sindacato SATSE. “E per di più, se torni a casa e racconti loro quello che stai passando in ospedale… Non puoi farlo, quindi non hai altra scelta che piangere nel tragitto dal lavoro a casa”.

Gli operatori sanitari in prima linea hanno pagato un grande prezzo nella loro lotta contro il Covid. Un recente sondaggio mostra che uno su tre ha sofferto di depressione dopo la prima ondata e la metà di loro ha richiesto una consultazione specializzata. Uno su quattro ha sofferto di disordine da stress post traumatico, simile a chi è stato in una zona di guerra.

All’ospedale La Paz di Madrid, sapevano di dover dare supporto psicologico al personale fin dal primo giorno. “Abbiamo imparato che l’importante è prendersi cura dei pazienti, ma anche dei professionisti, in modo che possano lavorare e prendersi cura dei pazienti in modo professionale”, spiega Maria Fe Bravo, responsabile del servizio psichiatrico all’ospedale La Paz.

Ora frequenta corsi settimanali di mindfullness, tenuti all’ospedale. “Quello che stiamo facendo è connetterci con la nostra forza interiore, non solo con il nostro lato vulnerabile, che è apparso in tutti noi, ma con la forza che può fuoriuscire da questa vulnerabilità”, dice Beatriz Rodriguez Vega, responsabile dell’unità di psicoterapia.

Avranno bisogno di tutta la loro forza, perché la pandemia è tutt’altro che finita. Ma almeno, per qualche minuto, hanno preso del tempo solo per sé stessi, per poter continuare a prendersi cura degli altri.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE