The Economist premia l’Italia “paese dell’anno”

Politica

Di

Il paese dell’anno, per l’Economist, è l’Italia. Come ogni anno il settimanale proclama la sua Country of the Year, il paese “che è migliorato di più” nel corso degli ultimi 12 mesi. E in questo caso la rivista tributa “triumphal honours” all’Italia: e ripete: non è grazie alla nazionale di calcio, non è grazie ai Maneskin, che hanno vinto l’Eurovisione, “ma per la politica”. L’Economist ricorda di aver spesso “criticato l’Italia per la scelta dei suoi leader, come Berlusconi”.

Ma questa volta è diverso. “Con Mario Draghi l’Italia si è data un primo ministro competente e con grande reputazione internazionale. Per una volta un’ampia maggioranza ha sepolto le sue differenze politiche per sostenere un programma di ampie e radicali riforme”.

Altri dettagli positivi segnalati dall’Economist: il “tasso di vaccinazioni in Italia, tra i più alti in Europa”, e una ripresa economica che, pur partita a fatica, “procede più speditamente che in Germania e in Francia”. L’unico rischio, e non da poco, che segnala l’Economist, riguarda un eventuale passaggio di Draghi al Quirinale, con rischio di “essere sostituito da un primo ministro meno competente. In ogni caso è arduo negare che l’Italia di oggi sia un posto migliore di quella del dicembre 2020. Per questo è il nostro paese dell’anno”.

E l’editoriale si conclude in italiano: “Auguroni!”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube