Meta ha autorizzato i post con gli slogan: “Morte a Khamenei”

Mondo

Di

L’Oversight Board del social ha spiegato che la frase è spesso usata col significato di “abbasso Khamenei” in riferimento alla Guida Suprema che ha ordinato la violenta repressione delle proteste a livello nazionale in ultimi mesi
Iran, morte a Khamenei

 

AGI – L’Oversight Board di Meta, l’organismo che prende decisioni di moderazione dei contenuti su Facebook e Instagram, ha annullato la decisione dell’azienda americana di rimuovere un post che utilizzava lo slogan “morte a Khamenei“, per criticare il leader iraniano, affermando che non viola la norma che vieta minacce violente. Lo riporta l’agenzia Reuters.

L’Oversight Board – che opera in modo indipendente rispetto a Meta – ha spiegato che la frase è spesso usata col significato di “abbasso Khamenei” in riferimento alla Guida Suprema che ha ordinato la violenta repressione delle proteste a livello nazionale in ultimi mesi. Inoltre ha esortato l’azienda a sviluppare modi migliori per tenere conto del contesto generale nelle sue politiche sui contenuti e delineare chiaramente quando sono consentite minacce retoriche contro i capi di Stato.

“Nel contesto del post e della più ampia situazione sociale, politica e linguistica in Iran, ‘margh bar Khamenei‘ dovrebbe essere inteso come ‘abbasso’. E’ uno slogan retorico, politico, non una minaccia credibile”, ha scritto il Board nel suo parere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube