fbpx

Rissa su Gerusalemme, per Netanyahu l’Onu e’ ‘casa delle bugie’

EsteroSenza categoria

OLP E PALESTINESI, DA TRUMP AGGRESSIONE ALLA NAZIONE ARABA

L’Onu ha votato a larghissima maggioranza la risoluzione presentata che condanna il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele da parte dell’amministrazione Trump. Contrariata la reazione del premier israeliano Benyamin Netanyahu che ha rigettato la risoluzione. ‘La citta’ – ha spiegato parlando all’inaugurazione di un ospedale nel sud di Israele – e’ la capitale di Israele, che l’Onu la riconosca o no’. Ma i palestinesi all’Onu denunciano la ‘aggressione alla nazione araba e ai musulmani nel mondo’. Anche l’Italia ha votato a favore della risoluzione Onu schierandosi insieme a 25 paesi dell’Unione europea. 

“La casa delle bugie”. Cosi’ il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha definito l’Onu dove oggi l’Assemblea generale ha votato una Risoluzione contro la decisione di Donald Trump su Gerusalemme. ‘La citta’ – ha spiegato parlando all’inaugurazione di un ospedale nel sud di Israele – e’ la capitale di Israele, che l’Onu la riconosca o no’. Ma i palestinesi all’Onu parlano ‘aggressione alla nazione araba e ai musulmani nel mondo’. 

“Questo voto finira’ nel secchio della spazzatura della storia” lo ha dichiarato l’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite precisando che il suo Paese “non verra’ mai cacciato da Gerusalemme“. “Nessuna risoluzione dell’Assemblea Generale ci fara’ uscire da Gerusalemme“, ha detto Danny Danon rivolgendosi all’Assemblea.

“Questo voto renderà diverso il modo in cui gli Stati Uniti guarderanno alle Nazioni unite e come guarderemo ai Paesi che ci mancheranno di rispetto all’Onu”, “questo giorno sarà ricordato”. Lo ha dichiarato all’Assemblea generale Onu l’ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni unite, Nikki Haley. La convocazione dell’Assemblea generale e’ stata richiesta dai rappresentanti di Turchia e Yemen, a seguito del veto posto il 19 dicembre dagli Stati Uniti a una bozza di risoluzione simile proposta dall’Egitto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE