fbpx

Trump e le pornostar

Estero

Trump pago’ 10 mila dlr per incontro con pornostar’. Il presidente fa marcia indietro e riesuma programma dreamers

La pornostar Jessica Drake avrebbe firmato un accordo che le vieta di raccontare il suo incontro con Trump, che l’avrebbe baciata contro la sua volonta’ e le avrebbe offerto 10 mila dollari per un appuntamento nell’ottobre 2006. Lo riporta il Daily Beast: insieme alla Drake ci sarebbero state altre due donne. Intanto il presidente fa marcia indietro e non cancella il programma di protezione dei Dreamer (immigrati irregolari entrati negli Usa da minorenni) dopo che un giudice ne aveva bocciato lo stop.

La pornostar Jessica Drake avrebbe firmato un accordo che le vieta di raccontare il suo incontro con Donald Trump, che l’avrebbe baciata contro la sua volonta’ e le avrebbe offerto 10 mila dollari per un appuntamento nell’ottobre 2006, quando il tycoon era gia’ sposato con Melania Trumped aveva da poco avuto il figlio Barron. Lo riporta il Daily Beast, spiegando come insieme alla Drake ci sarebbero state altre due donne. Sempre all’ottobre 2006 risale l’episodio raccontato dal Wall Street Journal secondo cui l’avvocato di Trump, Michael Cohen, avrebbe pagato 130 mila dollari per pagare il silenzio dell’ex pornostar Stephanie Clifford, in arte Stormy Daniels, incontrata come la Drake in un hotel dopo un evento sui campi da golf di una localita’ tra la California e il Nevada. Con la Clifford il tycoon – secondo quanto scrive il Wsj – avrebbe avuto un rapporto sessuale. Un’altra attrice, Alana Evans, ha raccontato inoltre al Daily Beast che Trump e la Clifford la invitarono a partecipare al loro incontro nell’hotel. L’ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon nel libro ‘Fire and Fury’ racconta come i legali di Trump ottennero a suon di dollari il silenzio di almeno cento donne durante la campagna elettorale del 2016.

Una seconda pornostar, Alana Evans, ha affermato di essere stata invitata nella camera d’albergo del presidente americano Donald Trump durante un torneo di golf del 2006, secondo quanto riportato dal quotidiano Daily Beast. L’accusa arriva dopo che il Wall Street Journal ha riferito che un avvocato di Trump ha organizzato un pagamento per l’ex pornostar Stephanie Clifford in cambio del suo silenzio su un presunto incontro sessuale con Trump in occasione dello stesso torneo di golf. Evans ha dichiarato che si trovava nella zona al momento del torneo e di essersi imbattuta nella collega ed amica Stephanie, conosciuto come Stormy Daniels. “Stormy mi ha detto di aver incontrato Donald Trump e poi mi ha parlato del torneo di golf e di come avrebbe dovuto uscire con lui più tardi quella sera, e mi ha invitato”, ha detto Evans, aggiungendo che “Stormy ha detto che Donald sapeva esattamente chi era e voleva incontrarla”. Alana Evans ha aggiunto che più tardi, quella sera, Clifford l’aveva ripetutamente chiamata e le aveva chiesto di unirsi a loro, ma lei si era rifiutata: “Stormy mi chiama quattro o cinque volte, nelle ultime due telefonate sta con Donald (Trump, ndr) che mi parla al telefono dicendo: ‘Oh, andiamo Alana, divertiamoci un po’! Un po ‘di divertimento! Vieni alla festa, ti stiamo aspettando”.

Marcia indietro dell’amministrazione Trump che ha annunciato come il programma di protezione dei Dreamer – gli immigrati irregolari entrati negli Usa da minorenni – sara’ riesumato. La decisione dopo che un giudice federale della California aveva intimato al governo di ripristinare le tutele, facendo infuriare il presidente Donald Trump. Ora l’amministrazione ha affermato che accettera’ di nuovo le richieste “fino a ulteriore comunicazione”, facendo tirare un sospiro di sollievo a centinaia di migliaia di immigrati che rischiavano il rimpatrio forzato e che invece ora potranno rinnovare il loro status. La mossa all’indomani della bufera scatenata dalle frasi shock di Trump sui Paesi d’origine degli immigrati caraibici, latinoamericani e africani.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE