fbpx

Grecia, Giappone, Bulgaria e Nuova Zelanda: i politici si tagliano lo stipendio nell’emergenza covid                           

Politica italiana e internazionale

In Giappone, Nuova Zelanda e Grecia parlamentari e ministri hanno accettato di tagliarsi lo stipendio come forma di solidarietà nell’emergenza coronavirus. In Bulgaria i politici hanno rinunciato  integralmente al loro compenso fino alla fine dell’emergenza.         

I Parlamentari giapponesi hanno deciso di tagliarsi del 20 per cento gli stipendi come forma di sostegno e solidarietà alla popolazione afflitta dall’emergenza coronavirus. L’accordo è stato raggiunto tra i membri che sostengono l’esecutivo guidato dal partito liberal-democratico e la principale forza politica all’opposizione, il partito Democratico-costituzionale del Giappone. Nei prossimi giorni verrà approvato un decreto che verrà sostenuto dalla stragrande maggioranza dei parlamentari e – come racconta l’agenzia Jiji – le decurtazioni in busta paga avranno effetto già dal prossimo mese. Attualmente ogni rappresentante eletto in una delle due camere giapponesi percepisce un compenso di 1.294.000 yen al mese, pari a poco più di 11.000 euro. “Comprendiamo le difficoltà dei cittadini e i problemi in cui versano le aziende, ed è importante che la nostra categoria e la comunità si uniscano per combattere assieme la battaglia contro il coronavirus”, ha commentato Hiroshi Moriyama, uno dei portavoce del governo nipponico.

Donato Arciuli


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE