La capsula Orion della Nasa è ammarata nel pacifico

Mondo

Di

È finita così la missione Artemis 1 attorno alla luna. La navicella senza equipaggio, che ha ospitato dei manichini, è stata utilizzata in previsione e preparazione di una futura missione umana

AGI – La capsula Orion della Nasa è ammarata nell’Oceano Pacifico, al largo dello stato messicano della Bassa California. La sua missione attorno alla Luna, Artemis 1, è durata 25 giorni; sulla navicella non c’era un equipaggio, ma dei manichini a bordo della capsula simulavano la presenza di astronauti, in vista di una prossima missione umana sul satellite.

L’ammaraggio è avvenuto all’ora prevista; il modulo era stato frenato durante il suo rientro nell’atmosfera terrestre da molti paracadute, che hanno consentito un ammaraggio “morbido”. Ora le squadre Nasa a bordo di imbarcazioni potranno esaminare i risultati della missione sperimentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube