Lo sciopero dei benzinai resta convocato

Economia & Finanza

Di

Al termine della riunione al ministero delle Imprese e del Made in Italy, i sindacati del comparto avvertono che l’agitazione proclamata per il 25 e il 26 gennaio è “congelata” ma non “revocata”. Tra le diverse sigle emergono però dei distinguo
© Pierre Teyssot/ AGF – Pompa di benzina

 

AGI – Lo sciopero dei benzinai proclamato per il 25 e 26 gennaio resta congelato ma comunque convocato anche dopo il nuovo confronto tra le sigle associative del settore ed il governo. Al termine della riunione, però, sono emersi alcuni distinguo nelle posizioni delle diverse sigle associative Faib, Fegica e Figisc/Anisa rispetto a quanto emerso nel corso del vertice di oggi al ministero delle Imprese e del Made in Italy, a cui ha partecipato anche il ministro Adolfo Urso. Si lavora a un nuovo incontro tra le parti, che potrebbe arrivare dopo la conferenza stampa delle associazioni delle stazioni di servizio, convocata per giovedì mattina, nel quale discutere sulla possibile formalizzazione di alcune proposte avanzate oggi al tavolo.

“Il tavolo è stato sufficientemente esaustivo rispetto alle nostre richieste, prima del 19 gennaio avremo della nuova documentazione rispetto alle richieste che abbiamo formulato oggi. Lo sciopero resta congelato ma comunque convocato. C’è una posizione articolata rispetto alle tre sigle di categoria. L’impegno da parte della politica e del governo è fondamentale e importante”, ha spiegato il presidente della Faib Giuseppe Sperduto.

Su altra posizione il presidente di Fegica Roberto Di Vincenzo: “Non c’è stato nessun impegno concreto, i verbi restano al futuro, vedremo se da qui a giovedì ci saranno dei possibili passi avanti. L’incontro è stato piuttosto deludente visto che appena ieri sera è stato incardinato in Parlamento un decreto legge sui cui c’è tutta la nostra contrarietà. Non c’è niente che ci possa far dire che lo sciopero è stato revocato”. Mentre la Figisc aggiunge: “Ci aspettiamo che nell’incontro di giovedì il governo arrivi con un atteggiamento più concreto”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube