fbpx

Mancato o ritardato pagamento delle quote condominiali. Il regolamento può prevedere una sanzione

Noi e il Condominio

di Giuseppe Nuzzo (avvocato)

Il Tribunale di Tivoli, con sentenza  n.1231 del 18 ottobre 2020 ha stabilito che le penali per il mancato pagamento delle spese condominiali hanno carattere sanzionatorio e si applicano anche se previste da un regolamento non contrattuale.

Si tratta non di norme non limitative della proprietà individuale o restrittive dei diritti sulle parti comuni, bensì norme sanzionatorie di un eventuale inadempimento del singolo condomino nell’interesse dell’intero ente condominiale.

Per tali ragioni, la clausola  è dunque applicabile ai condomini anche se non è stata approvata all’unanimità ed anche se contenuta in un regolamento non trascritto.

Nel caso di specie la contestazione mossa dai condomini riguarda l’applicabilità o meno della penale prevista nel regolamento per il caso di ritardato pagamento di quote condominiali. I condomini sostengono che, mancando la trascrizione del regolamento, le norme che prevedono penali non sono ad essi opponibili.

Il Tribunale, però, la pensa diversamente visto che nel testo della sentenza si legge: “non si tratta di norma limitativa della proprietà individuale o indicante particolari restrizioni nell’uso della cosa comune, dunque di ipotetici diritti, bensì di norma sanzionatoria di un eventuale inadempimento del singolo condomino nell’interesse dell’intero ente condominiale”.

FONTE: www.condominiocaffe.it 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE